I mesi primaverili sono da sempre i più indicati per sposarsi, soprattutto per il clima mite e la durata delle giornate, che consentono di organizzare una cerimonia o un rinfresco anche all’aperto. Da un po’ di tempo sta spopolando anche in Italia la moda delle nozze in cantina, location originale e suggestiva adatta soprattutto per gli amanti del buon vino.

Arriva dagli USA e grande successo ha avuto anche in Francia e Nuova Zelanda. Il matrimonio in cantina è oggi molto richiesto anche nel nostro paese, dove la tradizione vinicola è ben radicata in numerose regioni, da nord a sud della penisola.

Galleria di immagini: Matrimonio in cantina

Per chi storce il naso al solo pensiero di sposarsi tra botti colme di vino e aromi speciali, è necessario sottolineare che organizzare un ricevimento di questo tipo non significa che le nozze saranno meno caratterizzate da eleganza e raffinatezza, ma semplicemente più estrose e meno convenzionali.

Non è detto, infatti, che in questa particolare location non possa ospitare una sposa sfarzosa e un banchetto ricco e chic, sebbene l’ambientazione sia immersa nel verde e la sua funzione originaria sia la produzione di vini pregiati. Tra i tanti vantaggi che la cantina può offrire, ad esempio, c’è senza dubbio la possibilità di far godere gli invitati di un luogo poco conosciuto, particolare e certamente interessante anche per i poco esperti di cultura vinicola.

Un’idea originale potrebbe essere quella di preparare bomboniere in stile con la location, utilizzando ad esempio semplici ma gradite bottiglie di vino da regalare agli invitati come ricordo delle nozze, magari accompagnate da etichette personalizzate.

Per chi ha la possibilità di recarsi nella Franciacorta, celebre zona del bresciano nota per la cultura vinicola, esistono varie possibilità di location collocate tra le antiche ville che popolano il territorio e i lunghi filari di vigne, senza dubbio ricchi di suggestione e impatto visivo.

In Toscana, invece, esistono pacchetti personalizzati che offrono soluzioni diverse a seconda delle esigenze dei futuri sposi, come quelle messe a disposizione delle coppia a Montalcino, nel Casato Prime Donne gestito da Donatella Cinelli Colombini.

Si può infatti scegliere tra un programma pensato per una cerimonia tra pochi intimi, che prevede un aperitivo tra le botti di vino e, ovviamente, il pranzo accompagnato dalle specialità di produzione locale, fino al vero e proprio “country wedding“, ideato per le esigenze delle coppie che scelgono di avere molti invitati alle loro nozze.