Nell’immaginario comune, e in così tante commedie romantiche, il matrimonio è il coronamento della perfetta storia d’amore, il momento più intenso nella propria vita di coppia, e insomma il primo passo verso il “e vissero felici e contenti”. Peccato che sia in realtà una battaglia all’ultimo grido su quanti devono essere gli invitati, quale ora, data, luogo e soprattutto quanti soldi bisogna spendere per un vestito. Battaglia che ovviamente non coinvolge solo sé e il proprio uomo, ma i genitori di entrambi.

=> Scopri perché scegliere un matrimonio intimo

Organizzare il proprio matrimonio può diventare un’insidia non da poco. Meglio abbandonare da subito le illusioni di un’atmosfera da favola fino al giorno fatidico per armarsi di taccuino e pazienza e affrontare la realtà che si tratta soprattutto di negoziare con genitori, fratelli, sorelle, moltiplicati per due. Sposarsi non è semplicemente unirsi al proprio compagno, ma unire due famiglie: somiglia più al processo tellurico delle placche tettoniche, con conseguente ammontare di stress.

Ma prima di mandare tutto a monte e andare a sposarsi in gran segreto, ecco i tre consigli dagli psicoterapeuti. Il primo è proprio quello di considerare questo passaggio come una palestra per le difficoltà che inevitabilmente nasceranno una volta diventati marito e moglie. Scontrarsi sul numero degli invitati, la spesa per il vestito, per il pranzo, i fiori, la scelta del luogo e del giorno, sono tutte occasioni per fare i conti con il proprio lui e le capacità di risolvere problemi e affrontare le inevitabili ingerenze delle rispettive famiglie. Un allenamento perfetto per il futuro.

=> Scopri i miti del matrimonio

Imparare a superare le proprie differenze è il grande insegnamento che si ricaverà da tutte le liti che si susseguiranno per arrivare al matrimonio. Bisogna imparare soprattutto a capire che non è necessario avere sempre la stessa opinione su qualsiasi cosa, l’importante è invece rispettare la posizione dell’altro e riuscire ad arrivare a un compromesso.

Ultimo consiglio, non di importanza minore, è prendersi delle pause, almeno una volta a settimana, dove sia vietato nominare la parola matrimonio: tornare a dedicare del tempo alla propria coppia, fare quello che si è sempre amato fare, uscire con amici, e non toccare l’argomento vestito e altare. Organizzare il fatidico giorno può essere un processo lungo, e bisogna arrivarci possibilmente ricordandosi in primo luogo perché si vuole farlo.

Fonte: YourTango