Incredibile ma vero: a Stoccolma i panini di McDonald’s si pagano in lattine. Avete voglia di un chesburger? Prego, sono dieci lattine. Volete un Big Mac? Il prezzo sale a 40. No, non è uno scherzo. Anche se l’utilizzo della latta come metodo di pagamento potrebbe risultare alquanto inconsueto, l’iniziativa di McDonald’s è in realtà un validissimo strumento per avvicinare i giovani all’arte del riciclo.

Galleria di immagini: Gennaro Gattuso nuovo testimonial McDonald's

 

L’idea è stata concepita dalla Ddb, una tra le agenzie pubblicitarie più importanti del mondo, ed è stata pensata per stimolare i ragazzi che ogni sera si divertono a festival, concerti ed eventi a non abbandonare per la strada i rifiuti ma a raccoglierli e imparare a riciclarli.I cestini e i cassonetti di Stoccolma sono tutti tappezzati da pubblicità, stampate su sacchetti neri, con scritto “Accettiamo carte, denaro e lattine”, invitando i giovani a partecipare in modo attivo alla salvaguardia dell’ambiente.

Un’iniziativa davvero intelligente se si pensa che gli stessi sacchi dell’immondizia utilizzati come cartelloni pubblicitari si possono prendere gratuitamente per essere riempiti con le lattine. L’arte del riciclo può trasformarsi davvero in un’iniziativa utile, pratica e di grande aiuto per l’ambiente. E con lo stomaco pieno raccogliere lattine in giro per le strade della città diventerà più divertente e… appagante, sia per lo stomaco che per il pianeta.

photo credit: chotda via photopin cc