!Mediaset mi ha citato per danni”. Questa la dichiarazione che il giornalista Michele Santoro ha fatto in apertura della quarta puntata del suo programma “Servizio Pubblico“, in onda su un network di televisioni locali.

Michele Santoro sostiene di aver ricevuto una citazione Mediaset per danni in seguito a un’intervista pubblicata dal “Fatto Quotidiano”, la testata di Antonio Padellaro e Marco Travaglio. Nell’intervista il giornalista spiega i motivi della mancata firma del contratto con l’emittente televisiva La 7. Queste le sue parole:

Galleria di immagini: Mediaset contro Michele Santoro

«Evidentemente c’è stato un intervento esterno per bloccare un acquisto importante per realizzare un terzo polo televisivo che poteva diventare dirompente per il duopolio Rai-Mediaset. E questo intervento si chiama conflitto di interessi»

Santoro, dunque, ha accusato Mediaset di essere intervenuta nella trattativa La7 con l’obiettivo di bloccarla. Parole che, evidentemente, non sono piaciute ai vertici dell’azienda fondata da Silvio Berlusconi. Ecco come il conduttore di “Servizio Pubblico” ha spiegato l’accaduto durante la trasmissione di ieri:

«Questa citazione casualmente arriva dopo che Berlusconi ha chiesto a Masi e all’Agcom di chiudere Annozero, dopo che siamo stati costretti ad andar via dalla Rai, dopo che le porte di La7 si sono chiuse, e dopo che casualmente la scorsa settimana il Tg5 ha dedicato un clamoroso servizio al fatto che gli attentati ai ripetitori in Trentino ce li eravamo fatti praticamente da soli”.

Fonte:Repubblica, Il Fatto quotidiano