La mailbombing contro “La Pupa e il Secchione” proseguirà fino al prossimo 25 maggio. A deciderlo i partecipanti, blogger e associazioni di categoria, che avevano inviato una email congiunta a Mediaset spiegando quanto il reality condotto da Enrico Papi venga considerato degradante per l’immagine della donna.

Ma a Mediaset non hanno fatto una piega, tanto che il capoprogetto Simona Ercolani ha risposto alla email in questo modo:

La protesta scatenata da un gruppo di blogger e di associazioni contro “La Pupa e il Secchione” è per me una buona notizia: la televisione normalmente ci scivola addosso senza provocare nessuna reazione. Si tratta però di una protesta che si basa su fragili premesse. È vero che “pupa” e “secchione” sono due stereotipi: ma gli stereotipi, da che esiste l’arte della commedia, non “sviliscono” e non “appiattiscono” ma, al contrario, ci consentono di lanciare uno sguardo all’essenziale, mettendolo letteralmente a nudo. […] Le nostre “pupe” sono mostrate in tutta la loro palese insufficienza: tant’è che l’intera dinamica dello show ruota sulla necessità, per le pupe, di leggere, studiare e informarsi. Nella nostra televisione, invece, alle donne non viene richiesto mai altro oltre a un corpo da esibire. Mi stupisce infine che i contestatori, e soprattutto le contestatrici, non abbiano colto un aspetto fondamentale del programma: siamo i soli a denudare i maschi, a mostrarne i corpi non proprio entusiasmanti, a ridicolizzare il modello imperante secondo il quale al maschio è concesso di essere brutto purché intelligente. Ma, soprattutto, non bisogna dimenticare mai che “La Pupa e il Secchione” è uno show: ci divertiamo a farlo, e lo facciamo soltanto per divertire il pubblico.

Per ulteriore risposta, le contestatrici sono state contattate dalla redazione di “Domenica 5” e Barbara d’Urso le ha invitate a un confronto televisivo con i protagonisti del reality, contestato durante la rubrica “Il corpo delle donne”. Ma le blogger hanno rifiutato, sostenendo che la televisione non è un mezzo plurale quanto Internet, affinché possano esprimere appieno il loro punto di vista. Ma siamo certi che la vicenda non finirà qui.

Intanto prosegue l’avventura de “La Pupa e il Secchione”. La puntata di ieri è stata densa di emozioni, con uno scambio di coppia, un nuovo ingresso e le solite prove, molto difficili per le pupe. Da Pasqualina Sanna che ha scambiato Giuseppe Verdi per Freud, a Francesca Cipriani che ha millantato una certa “zia Camilla” vedendo la regina Elisabetta II.

A salvarsi per primi Monica e Garagozzo, ma l’attenzione viene subito spostata sul litigio tra Elena e De Giovanni con Pasqualina e Tassinari: De Giovanni aveva chiesto Pasqualina come compagna di calcio balilla, ma una volta voluta la bicicletta dovrà pedalare, perché gli autori hanno deciso di scambiare le coppie. Con grande disappunto di Pasqualina che cerca di scappare, poi viene ripresa e sgridata da Paola Barale, che si scusa per il comportamento.

Alle domande vengono eliminati Cavazzoni e Francesca, mentre fanno i loro ingressi Francesco Cevaro, il quale non ha mai baciato una ragazza, e Marysthell, aspirante sosia di Rihanna. Alla prova “vibratoria” si salvano intanto Bianco e la Cipriani. Vanno, infine, in nomination Pasqualina con De Giovanni, Elena con Tassinari e Ludovica con Corteggi.