La medicina estetica ogni anno fa passi da gigante, soprattutto per quello che riguarda botox e filler antirughe, due dei trattamenti più richiesti per mantenersi giovani. Non tutti, infatti, prendono bene il passare del tempo e non tutte le donne sono in grado di dire, come fece la grande Anna Magnani al truccatore, “non togliermi neppure una ruga. Le ho pagate tutte care“. Ad alcune donne, infatti, non basta scegliere il taglio di capelli che le ringiovanisca o il make up che le faccia apparire più fresche per una serata.

D’altronde, i dati della Società Italiana di Medicina a Indirizzo Estetico Agorà-Amiest relativa ai primi quattro mesi del 2016 parlano chiaro: il numero di chi ricorre alla medicina estetica è in continua crescita. Nella classifica dei trattamenti più richiesti si confermano al primo posto quelli che aiutano a contrastate l’invecchiamento cutaneo e a rendere armonico ed equilibrato il viso come filler riassorbibili a base di acido ialuronico (al primo posto per numero di richieste) seguito dalla tossina botulinica e dalla rivitalizzazione cutanea, che rappresentano insieme il 50% delle richieste, seguiti dai peeling chimici e dai trattamenti non invasivi dell’adiposità localizzata.

L’importante, quando si ricorre a un trattamento di medicina estetica, è stare alla larga da quei professionisti che propongono trattamenti “low cost” o che non operano in strutture sanitarie professionali ed evitare sempre iniezioni di filler al silicone se non si vuole rischiare di incorrere in gravi patologie, come la trombosi di arterie del viso o persino la cecità. Ma cosa sono botox e filler antirughe e quali sono le novità a riguardo? Proviamo a fare un po’ di chiarezza.

Medicina estetica: botox, come e dove farlo

Il botox è il farmaco che contiene la tossina botulinica. Ha un effetto enorme sulle rughe e la sua indicazione principale resta quella che si occupa della parte alta del volto, in special modo tra gli occhi, sulla fronte e sul canto laterale dell’occhio. Il botulino viene prevalentemente utilizzato nella correzione delle zampe di galline, delle rughe glabellari e per attenuare le rughe della fronte. Più rari gli usi nella zona periorale, nella regione del naso, del mento e del collo.

  • Come fare il botox: non provoca dolore né gonfiori: la procedura infatti prevede un’iniezione della molecola nel tessuto sottocutaneo/intramuscolare e questa viene eseguita con delle micro siringhe da insulina, che di norma non provocano sensazioni dolorose. È quindi una procedura semplice, che consiste in poche e piccole iniezioni, che vengono effettuate di seguito e in breve tempo. Non richiede riposo assoluto come invece avviene nelle operazioni chirurgiche. Difatti, si può affermare che è un trattamento ambulatoriale.
  • Dove fare il botox: va effettuato esclusivamente presso degli specialisti, può durare dai 15 ai 20 minuti, tempo durante il quale il medico estetico si preoccuperà di iniettare correttamente la tossina botulinica nelle zone in cui è necessario intervenire.
  • Quanto costa il botox: la media nazionale di un trattamento si aggira tra i 150 e i 300 euro a seduta.
  • Le novità: recenti evidenze dell’azione del botulino sulla cute fanno emergere un nuovo potenziale anti-photoaging del farmaco, che potrebbe risultare estremamente interessante. Non più un effetto specifico sui muscoli dell’espressione, ma un effetto specifico sulla cute, capace di limitare i danni da esposizione ai raggi ultravioletti. Inoltre, sono in fase di sviluppo nuove formulazioni di tossina botulinica, che in futuro sarà disponibile in forma liquida, pronta all’uso, e in formulazione per uso topico, da applicarsi direttamente sulla cute evitando l’uso degli aghi. Quest’ultima formulazione, in particolare, troverà impiego prevalentemente per le zampe di gallina e per le iperidrosi.

Medicina estetica: filler antirughe su labbra, zigomi e corpo

I filler sono delle sostanze riempitive che una volta infiltrati nel volto danno volume. Tra le più richieste, ci sono le infiltrazioni di acido ialuronico, un costituente naturale della pelle, che viene prodotto e degradato dal nostro organismo nel giro di circa 24/48 ore.

  • Filler antirughe su labbra: i filler a base di acido ialuronico consentono di intervenire sulle labbra per correggere asimmetrie e difetti, per ridefinirne i lineamenti e per aumentarne il volume. Filler ad alta densità permettono di aumentare il volume delle labbra, quelli di media densità consentono di ridefinirne i lineamenti e di distendere la cute in modo da fare sparire ampie quantità di righe, quelli a bassa densità migliorano l’aspetto e l’idratazione delle labbra e consentono di spianare singole rughe particolarmente evidenti. Il trattamento è estremamente sicuro e privo di rischi, è rapido ed è ripetibile grazie all’utilizzo di filler riassorbibili.
  • Filler antirughe su zigomi: i filler di ultima generazione, conosciuti come filler volumizzanti hanno una densità estremamente elevata, si posizionano in profondità nei tessuti e hanno una durata che generalmente supera l’anno.Con una sola applicazione è possibile restituire volume ed elasticità a un volto, e mantenere questo risultato per oltre un anno. Il trattamento, che come per tutti i filler è ambulatoriale, dura pochissimo tempo e conferisce fino da subito l’80% del risultato; il rimanente 20% viene raggiunto dopo circa 10 giorni, ossia quando l’acido ialuronico ha richiamato tutti i liquidi che si sono ridotti nel corso degli anni.
  • Filler antirughe su corpo: esiste una formulazione di acido ialuronico macromolecolare (Hyacorp) ad alto potere volumizzante e a lento riassorbimento che viene utilizzato per il rimodellamento di vari distretti: si può utilizzare per il riempimento e la risospensione dei glutei, per il rimodellamento dei polpacci o delle braccia, per la correzione di cicatrici depresse o ipotrofiche o per la correzione di lipodistrofie o lipoatrofie. Si parla di body-contouring.
  • Quanto costa il filler antirughe: la media nazionale di un trattamento semipermanente può andare dai 150 ai 600 euro a seduta.