Torna, dopo il successo dello scorso anno, l’iniziativa promossa dal Ministero della Salute che invita i panificatori a produrre pane con un più basso contenuto di sale.

Lo slogan “Con meno sale nel pane c’è più gusto e guadagni in salute” parla chiaro ed è facile comprendere come si possa aumentare la qualità della propria dieta quotidiana senza, però, troppe rinunce.

Galleria di immagini: Pane

Il pane, infatti, è uno degli alimenti più amati e, in diverse forme o composizioni, accompagna sempre la tavola degli italiani. Aderiscono all’iniziativa oltre 200 produttori di pane che si impegnano, in modo del tutto volontario, a sfornare pane con una minore quantità di sale nell’impasto non rinunciando alla fragranza e al sapore che lo contraddistingue.

Cosa ancor più importante, il prezzo resterà invariato e la diminuzione di sale avverrà in modo graduale e, per così dire, meno traumatico. Si passerà, infatti, dal 2 per cento su tutto l’impasto all’1,8 per cento fino al 31 dicembre 2011, per poi raggiungere l’1,7 per cento entro il 30 giugno 2012. L’assessore regionale alla Sanità Luciano Bresciani spiega i benefici dell’iniziativa:

“La riduzione dell’assunzione di sale con la dieta è un obiettivo di salute di estrema importanza: un consumo eccessivo determina infatti un aumento della pressione che a sua volta aumenta il rischio di insorgenza di gravi malattie, come l’infarto e l’ictus. Si tratta di un progetto che punta dunque a dare il buon esempio per una migliore qualità della vita, anche con il coinvolgimento dei settori produttivi in un’ottica di sussidiarietà.”

Sul sito Panificatori Lombardia è possibile cercare il panificio più vicino anche se, almeno per il momento, la possibilità riguarda solo i residenti nella regione Lombardia. E possibile, inoltre, riconoscere le attività che aderiscono al progetto semplicemente guardando la loro vetrina dove, sicuramente, vi sarà esposto un manifesto che lo indicherà in modo chiaro.

L’utilizzo del sale all’interno dei pasti quotidiani dovrebbe esser sempre limitato e riguardare non solo il pane ma anche le preparazioni casalinghe di primi piatti, secondi e contorni. Mangiare con poco sale e bere molta acqua, infatti, aiutano l’organismo a depurarsi e a liberarsi da quelle scorie che, altrimenti, verrebbero interamente assimilate durante il processo di digestione.