Mentre New York si appresta ad entrare nel vivo del suo terzo giorno di sfilate, ecco cosa hanno proposto gli stilisti ieri per la seconda tornata della Mercedez Benz Fashion Week. Per l’autunno/inverno 2011-2012, gli stilisti non sembrano avere dubbi: la donna sarà elegante ma non pomposa, avvolta da colori scuri in abiti dal taglio energico.

Le attenzioni sono state catalizzate da Christian Siriano, promettente e giovane stilista statunitense conosciuto ai più per la vincita della quarta edizione del reality “Project Runway“. Nella sua collezione dominano i colori scuri come il nero, grigio e il verdone, con vestiti dal carattere prorompente ma dai tessuti morbidi. La sua passerella è stata oggetto di un piccolo incidente: una modella, infatti, non è riuscita a mantenere l’equilibrio sui tacchi vertiginosi, marchio di fabbrica per la donna moderna di Siriano.

Galleria di immagini: Mercedez Benz Fashion Week giorno 2

Luca Luca, invece, si ispira a un inverno naturalistico per la donna del 2012, con colori e texture di stampo boschivo. Dominano, perciò, le tonalità di grigio e del marrone, ma anche l’oliva, l’ocra e il rosso, declinato quest’ultimo in molteplici fantasie. Il taglio degli abiti è molto elegante e mai inappropriato: un gusto che strizza l’occhio al retrò rimanendo, tuttavia, decisamente moderno. Ampio spazio anche alle pellicce, che perfettamente si ricollegando al clima forestale dell’intera correzione.

Più determinata e urbana la donna di Vena Cava. Anche in questo caso i colori sono prettamente invernali, con la predominanza del nero, del grigio e delle declinazioni del marrone. Ampio spazio anche a morbidi pantaloni e a piccoli cappelli, che ben si sposano con la versatilità dei monili in oro. Un piccolo tocco urban, ma sicuramente glam, viene fornito dai giubbotti in pelle e da leggeri bustini in pizzo.

Elegantissime le proposte di Tadashi Shoji, con lunghissimi e velati abiti da sera dai colori intensi. Dominano le declinazioni del viola e del grigio, mescolate in tessuti multistrato per un effetto da gran soirée. Moderna e schietta, invece, la donna di Jenny Cane, dove predominanti sono il pizzo e la maglia. Originale la scelta di ricorrere a scarpe basse, in contrasto alla tendenza del tacco 12 degli altri competitor.