La New York Fashion Week è arrivata alla sua terza giornata, nella quale non sono mancati i colpi di scena e le sorprese. La donna del prossimo autunno/inverno 2011-2012 sarà molto coperta, fasciata in abbondanti cappotti e caldi colli di pelliccia, abbigliata in modo pesante e pensato per il freddo più intenso.

Nessuno dei grandi maestri in passerella, tuttavia, sembra aver dimenticato di valorizzare la femminilità e sinuosità del sesso femminile, creando come contrapposto abiti da sera sexy all’insegna delle trasparenze.

Galleria di immagini: New York Fashion Week - terzo giorno

Praticità e sensualità: ecco un binomio al quale gli stilisti non sembrano voler rinunciare.

Rebecca Taylor, ad esempio, ha presentato una carrellata d abiti leggeri e ricchi di voile, tutti basati su tonalità blu, magenta e vino, talvolta impreziositi da stampe floreali che rimandano ai night club degli anni ’70.

Nicole Miller, invece, ha decisamente puntato su un look più moderno, ispirato alla tecnologia digitale: strisce diagonali, scollature asimmetriche e tagli molto squadrati hanno caratterizzato i capi esposti in passerella. Un altro tocco originale è dato dalla cintura indossata anche sopra cappotti e giubbini.

Per quanto riguarda la collezione donna Rag and Bone, il blu elettrico e l’arancio hanno fatto da padroni, usati su capi dal taglio sportivo e casual allo stesso tempo. Per Johnson Hartig di Libertine, invece, trionfa la donna fiabesca con maniche a sbuffo e ricoperta di colori accostati in modo quasi casuale.

Anche Jill Stuart sembra avere in mente il mondo fantasy, che riporta sui vestiti usando molto oro e stampe ispirate al mondo animale, con gufi, lupi e volpi che confermano la “fantasia ribelle” della stilista.