L’omicidio di Meredith Kercher è stato al centro dell’approfondimento giornalistico di Domenica Cinque. Dopo aver parlato dei disastri e delle alluvioni in Liguria, ci si è concentrati sull’assassinio di Meredith e sul presente di due degli indagati prosciolti, Raffaele Sollecito e Amanda Knox.

Di Amanda Knox si è parlato a lungo, del suo presente assediata dai paparazzi, sebbene non ci siano al momento dichiarazioni ufficiali durante le sue uscite quotidiane con le amiche e la ripresa delle sue abitudini.

Galleria di immagini: Amanda Knox

Quello che già è stato messo in evidenza è come concentrarsi sugli imputati abbia fatto perdere di vista le ragioni della vittima e dei suoi cari.

Così, Arlene e Stephanie Kercher, madre e sorella di Meredith, sono state intervistate da Ilaria Cavo:

«La fine di Meredith è stata particolarmente brutale e violenta ma il suo ricordo durante questo processo sembrava essere andato perduto, il mondo si è dimenticato di lei ed è stato molto doloroso.»

Si tratta della prima intervista rilasciata dopo la sentenza d’appello, che non ha chiarito bene, secondo molti, dinamiche e moventi dell’assassionio, lasciando ancora molti interrogativi insoluti. Così, l’omicidio di Perugia resta dopo quattro anni uno dei grandi misteri italiani di cui tutti si interrogano. Ma si perde di vista il fatto che la vita di una giovane è stata spezzata, concentrandosi su tutto ciò che è stato accessorio al fatto di cronaca nera.

Fonte: Adnkronos.