Ancora un colpo di scena nella vicenda di Meriam Yahia Ibrahim Ishag, la ragazza cristiana condannata per apostasia e liberata ieri sarebbe stata nuovamente arrestata in Sudan.

Il suo legale, infatti, ha comunicato alla stampa estera tramite Antonella Napoli, presidente della ong Italians for Darfur, che la sua cliente è stata bloccata con il marito Daniel e lo stesso avvocato negli uffici di sicurezza dell’aeroporto di Khartoum dai servizi segreti sudanesi. Presto sapremo il motivo del nuovo fermo.