Meryl Streep trionfa ai BAFTA con “The Iron Lady”. La Streep è stata premiata come miglior attrice protagonista, ma il film ha vinto anche un premio per il miglior trucco: una soddisfazione per l’interprete, che per ogni giorno di girato ha trascorso oltre due ore al trucco, costretta a portare anche delle protesi facciali per somigliare maggiormente a Margareth Thatcher.

Meryl Streep è stata premiata ai BAFTA per “The Iron Lady” da Stephen Fry, che ha usato commenti entusiastici per la collega.

Galleria di immagini: The Iron Lady, foto

L’attore de “Gli amici di Peter”, “Wilde”, “V per Vendetta”, l’ultimo “Sherlock Holmes”, attualmente al lavoro con “Lo Hobbit“, l’ha chiamata Maggie, ossia con il diminutivo di Margareth, proprio a sottolineare la bravura della Streep nel trasformarsi letteralmente nella Lady di Ferro. Il che, detto da un britannico, ha ancor più valore.

Meryl Streep si è detta orgogliosa del premio e una volta sul palco ha sottolineato le proprie origini britanniche, affermando che discende dai Wilkinson del Lincolnshire, per parte di madre, come a giustificare la sua riuscita nel biopic. In realtà, conoscendo le dote istrioniche della Streep, tutti sapevano quanto sarebbe stata brava a calarsi nella parte in “The Iron Lady” e avrebbe perso quell’aria molto americana che la contraddistingue.

Non è la prima volta della Streep ai BAFTA: ha ricevuto 14 nomination nel tempo, ma ha vinto solo una volta nel 1981 con “La donna del tenente francese”. Un piccolo incidente ha salutato stavolta il cammino verso il palco della Streep, che ha perso uno stiletto, cercando di ricomporsi nel modo più british possibile. Un trionfo ugualmente, anche se Miranda Priestly, altro celebre personaggio interpretato dalla Streep, non avrebbe approvato.

Fonte: Telegraph.