I viaggi continuano a essere attività irrinunciabili per gli italiani: a dispetto di ogni crisi economica, la maggior parte se ne concede almeno uno all’anno in Italia o all’estero, in Europa o nel resto del mondo. Perciò, perché non cominciare a organizzare il viaggio del 2012? Magari dando un’occhiata alle destinazioni che il National Geographic ritiene imperdibili.

Partiamo quindi dalle mete europee. L’Islanda è la prima della fila: l’affascinante isola dell’Europa Settentrionale si presta molto bene a un viaggio nel 2012. Dopo aver superato brillantemente il default del 2008, i prezzi sono diventati decisamente più abbordabili, è il momento giusto quindi per una visita ai suoi gelidi fiordi, ai geyser, alle spiagge di sabbia nera, alle grandiose cascate e ai numerosi vulcani, che rendono l’isola perennemente mutevole. Il fatto che sia uno dei posti meno popolati al mondo rende l’Islanda una delle mete preferite per gli amanti di pace, natura e silenzio.

Galleria di immagini: Mete europee 2012

Tutt’altra faccenda per Dresda. Considerata per secoli la più bella città della Germania, una “Firenze sull’Elba”, Dresda ha avuto modo di riprendersi dai bombardamenti anglo-americani del 1945 che l’hanno praticamente ridotta in cenere, oltre a causare la morte di centinaia di migliaia di tedeschi. Oggi è tornata agli antichi splendori, oltre a recuperare il titolo di una delle migliori destinazioni d’Europa. Simbolo di resurrezione è la Frauenkirche, capolavoro d’arte barocca fedelmente ricostruito nel 2005, che si staglia perfettamente in un contesto architettonico altrettanto ben rimodellato. Dresda offre dozzine di musei di fama mondiale ma anche una delle scene notturne più vivaci delle Germania, dopo Berlino.

Per non lasciare la cara vecchia Europa, l’Istria si presenta come altra meta irrinunciabile per il 2012. La penisola croata è da tempo una destinazione privilegiata per il turismo balneare, con le sue colline che la fanno assomigliare a una Toscana ma con influenze asburgiche. Lo sviluppo improvviso delle sue risorse non ne ha intaccato il fascino e città come Rovigno/Rovinj, con il suo centro medievale e i palazzi in stile veneziano, faceva parte della Serenissima, meritano un giro. Senza considerare che si parla largamente italiano.

Per gli amanti di mare e sole, una delle destinazioni da tenere in considerazione è la terra di Salvador Dalì, in Spagna: la Costa Brava. Lasciamo perdere per un momento la meta turistica per eccellenza, Barcellona, per conoscere meglio la costa catalana. La Costa Brava si affaccia sul Mediterraneo e arriva fino alle Francia, le sue acque blu, spiagge e scogliere non sono più meta di turismo di massa, e le tradizioni della Catalogna si mescolano all’eredità culturale di città come Girona. Islamica per 200 anni, popolata da comunità ebraiche, sempre resistente alla vicina Francia, si presenta come un mix affascinante di stili architettonici, nel suo labirinto di viuzze nel centro storico.

E per chiudere non si può omettere Londra, considerata la capitale del 2012 per gli eventi che ne fanno la città protagonista d’Europa. Si terranno infatti qui le Olimpiadi, seconda volta dal 1948, in cui gli inglesi manifesteranno tutta la loro arte di organizzare cerimonie globali, e che trasformeranno la città in un festival culturale permanente per tutta l’estate. Se non bastasse, è anche l’anniversario del 60esimo anno di regno della Regina Elisabetta II, altro momento di parate e rituali assicurati.

Fonte: National Geographic