Come doveva essere la vita da Marilyn Monroe? È quello che si è chiesta Michelle Williams prima di iniziare le riprese del nuovo “My Week As Marilyn“, pellicola britannica diretta da Simon Curtis in arrivo nel 2011. Un personaggio mitico ma anche una sfida interpretativa ardua per la Williams, che dal set della pellicola ha raccontato tutte le difficoltà incontrate.

Inizialmente la Williams confessa di aver rifiutato la parte, ma poi ha cambiato idea:

Sapevo che non avrei resistito, alla fine. A livello fisico e vocale, lei è completamente diversa da me. Sono dovuta andare in una sorta di scuola e ho avuto insegnanti che mi aiutavano a capire Marilyn, così sono riuscita a proiettarmi un’essenza di ciò che era veramente.

Michelle confessa di essere stata poi completamente conquistata, quasi dominata, dalla parte:

A un certo punto, qualcos’altro è venuto fuori. Non mi sento esattamente me stessa in questi giorni… Questa è una parte che ti cambia, ti sposta le molecole, ti tira su, ti fa girare, ti butta giù e non sei più la stessa, nel bene o nel male.

L’ex Jen Lindley di “Dawson’s Creek” sta inoltre tentando di interpretare il ruolo nel modo più sfaccettato possibile:

All’inizio quando mi sono approcciata alla parte pensavo che ci fossero tre, o anche quattro parti della figura di Marilyn: quella pubblica, quella privata e la Marilyn del film “Il principe e la ballerina”.

Il prestigioso cast del film oltre a una Michelle/Marilyn già in odore di Oscar vanta anche Kenneth Branagh, Judi Dench, Julia Ormond, Dominic Cooper e Emma Watson, che finalmente potremo vedere in un ruolo diverso dalla Hermione Granger interpretata nella saga di “Harry Potter”.