Combattere le infezioni di stagione, aggravate magari da un cambio repentino di tempo, sta diventando sempre più complesso. La capacità di mutare e adeguarsi che hanno alcuni batteri è sorprendente e diventa sempre più difficile annientarli con antibiotici e rimedi specializzati.

L’assunzione di troppi medicinali, causa ricadute stagionali varie, non fa bene alla nostra salute ma contribuisce a indebolire il fisico minando il lavoro dei nostri anticorpi.

Galleria di immagini: Miele australiano antibatterico

Un ruolo di primo piano lo svolgono anche le allergie a certi composti chimici, che contribuiscono a complicare un quadro clinico già di per se difficile. I medici stessi spesso sconsigliano l’utilizzo di medicine troppo aggressive, o un abuso di antibiotici ai quali il nostro corpo tenderebbe ad assuefarsi, perciò il più delle volte la soluzione è da ritrovarsi nella medicina naturale. C’è chi si affida all’omeopatia o alla fitoterapia, oppure chi cerca di abbattere l’influenza con rimedi casalinghi.

Arriva in nostro soccorso dall’Australia il miele di mirto, (leptospermum polygalifolium) dalle proprietà importanti, in grado di combattere le infezioni anche più recidive. Della stessa famiglia del nostro mirto molto diffuso in Sardegna, il delicato arbusto australiano dal leggero profumo al limone produce un miele molto potente in grado di contrastare i batteri più resistenti e diffusi negli ospedali.

La particolarità è data dal fatto che il mirto australiano cresce lungo le coste, fino alla barriera corallina, e possiede un’alta concentrazione di Mgo, composto dagli ottimi effetti antibatterici. Infatti è in grado di contrastare anche i batteri resistenti alla penicillina.

Lo studio è stato condotto dal Queensland Alliance for Agriculture and Food Innovation (QAAFI) con l’Australian Organic Honey Company and Medi Bioactive Australia, tutti interessati alla particolarità di questo miele e alla possibilità di introdurlo sul mercato non solo come dolcificante naturale, ma proprio come rimedio medico.

In questo modo l’abitudine di bere latte e miele non rimarrà solo un espediente casalingo per placare il mal di gola stagionale o per sedare una forte bronchite, ma con il miele di mirto australiano potrà diventare un rimedio obbligato per combattere i malanni. Una soluzione soft e non invasiva, accettata anche dai bambini sempre restii ad assumere medicine e sciroppi. Sicuramente una terapia piacevole e gustosa e al contempo un’offerta più efficace e meno aggressiva degli antibiotici.