Fiorello commemora in teatro lo scomparso amico Mike Bongiorno, mentre alcuni programmi del compianto re del quiz andranno in onda il prossimo autunno, e la famiglia di Bongiorno va in TV con un nuovo programma su SKY. Si tratta di “Buon lavoro“, che sarà condotto da Nicolò Bongiorno e consisterà in una trasmissione di consigli ai giovani su come trovare lavoro, anche grazie ai consigli di un esperto: la trasmissione inizierà il 28 maggio e consisterà in otto puntate diversificate per settore, a cadenza settimanale.

Per quanto riguarda Fiorello, stasera sarà in teatro con “Allegria“, lo spettacolo benefico su Mike voluto dalla sua famiglia, il cui ricavato sarà devoluto in beneficenza per il Nuovo Centro di Oncoematologia Pediatrica dell’Ospedale San Raffaele: lo spettacolo va in scena al Teatro della Luna di Assago. In ogni caso, pare che la Rai ripristinerà “Rischiatutto” all’interno del prossimo Telethon, mentre Canale 5 lancerà una versione di beneficenza de “La ruota della fortuna“, condotta da Gerry Scotti.

Galleria di immagini: Mike Bongiorno II

I nuovi progetti sono stati accolti con orgoglio dalla famiglia di Mike, tanto che la moglie Daniela Zuccoli ha dichiarato:

“Mike ha sempre aiutato tutti, dai bambini agli anziani. Noi siamo lieti che Rai, Mediaset e Sky, le tre famiglie TV di Bongiorno, non l’abbiano dimenticato. Il pubblico lo ama ancora e non lo dimenticherà mai.”

Ciononostante, non è un bel momento per la famiglia Bongiorno: la salma del presentatore è stata sequestrata da circa sei mesi. E chissà se i sequestratori saranno stati in grado di conservarla, perché in caso contrario resterà ben poco da restituire. Intanto scoppia un piccolo giallo lanciato a “La vita in diretta“: Mike Bongiorno, un anno e mezzo prima della morte, avrebbe depositato presso l’amico commercialista Livio Strazzera un testamento. Il testamento non differirebbe di molto da quello “ufficiale”: anziché destinare il 51% degli averi alla moglie e il 49% ai figli, il nuovo testamento parlerebbe di 50 e 50.

Il che non è un problema dato che si parla di madre e figli, per cui appare impensabile che si giunga a dei conflitti, soprattutto in un momento come questo in cui è il dolore a farla da padrone. Tuttavia, c’è un particolare agghiacciante, perché pare che questa versione del testamento sia stata rubata insieme a tutta una cassaforte in cui era contenuta a casa del commercialista, lo stesso giorno in cui questi ne aveva comunicato l’esistenza alla famiglia. Si teme che l’avvenimento possa avere dei contatti con la sparizione della salma di Mike.