La Milano Moda Donna, la settimana meneghina dedicata al fashion che vede i capi dei più famosi stilisti mondiali portati in passerella con tutta la serietà possibile, ha perso per qualche ora la sua aura di rigore. Infatti, la capitale italiana della moda ha preso ieri una piega differente, tuffandosi in un fiume in piena di lustrini, paillettes, colori sgargianti e tacchi dall’altezza esagerata.

Galleria di immagini: Milano Moda Donna: gli abiti di Priscilla

Sulla passerella della Milano Moda Donna hanno così sfilato gli abiti di “Priscilla, la regina del deserto” il musical che da mesi sta riempiendo il Teatro Ciak di Milano, ricevendo continui giudizi positivi da parte del pubblico milanese e non solo. All’interno della tensostruttura del Castello Sforzesco i costumi utilizzati durante il musical hanno rallegrato e stupito il pubblico, entusiasmando sia gli appassionati che i neofiti della trasposizione teatrale del film di Stephan Elliott.

Gli abiti sono stati ideati dai designer Tim Chappel e Lizzy Gardiner, vincitori del premio Oscar nel 1995 per il film omonimo e del Tony Award per il musical, e comprendono ben 495 costumi, 200 copricapi e 150 paia di scarpe. Le drag queen, per un giorno anche loro modelle, hanno sfilato sulle note di “I will survive” di Gloria Gaynor facendo ballare e cantare il pubblico presente, cosa assolutamente inusuale durante una sfilata di moda.

Subito dopo la sfilata, un party ha avuto luogo all’Ippodromo del Trotto, il “Priscilla Party” organizzato dalla socialite milanese Georgia Judy Gay. Una festa dedicata allo svago e all’eccesso, tra boa di piume, cotonature, make-up pesante, brillantini, e divertiti truccatori professionali che si destreggiavano nel trasformare chiunque in eccentriche drag queen.

Fonte: Corriere della Sera