Alla Milano Moda Donna, la settimana del capoluogo lombardo dedicata al mondo del fashion, il quarto giorno è stato dominato da importantissimi nomi della moda tricolore che si sono alternati sulle passerelle della kermesse per presentare le nuove creazioni per la stagione autunno-inverno 2012/2013. Bottega Veneta, Mila Schon, Sportmax ed Emporio Armani, maison nazionali che hanno diffuso all’estero il modello di stile italiano, sono alcuni dei nomi più importanti della giornata.

Galleria di immagini: Milano Moda Donna, quarto giorno

Bottega Veneta presenta alla {#Milano Moda Donna} una collezione dai toni rigorosi ed eleganti, fatta di giache, cappotti e top dalle linee nette e classiche. Impreziositi da decorazioni in pietra e cristalli, i capispalla mostrano abiti con paillettes arricchiti da fasce in velluto, monocolore o con interessanti stampe in più tonalità. Dalle ampiezze del giorno si passa ai lunghi abiti da sera, luminosissimi in lamè, con profonde scollature sulla schiena. Divertente l’utilizzo di calzettoni al ginocchio in pelle, perfetti da abbinare alle calzature a décolleté con tacchi sottili ma non di altezze esagerate.

Gusto retrò e classe d’altri tempi per Mila Schon che fa sfilare in passerella maglioni collo alto abbinati a gonne ampie e morbidissime, alte sulla vita che fasciano con determinazione. Anche i tubini, così come i completi dallo stesso taglio, avvolgono il corpo delle modelle senza segnarlo pesantemente, giocando però con gli accostamenti di colori che vanno dal rosa cipria al rosso carminio fino all’azzurro, misto a blu e verde vivace. Niente tacchi alti per il giorno, ma solo mocassini con calzino bianco morbido sulla caviglia, in pieno stile ragazza bon ton. Le gonne si allungano e i colori cambiano, passando ai più caldi senape, rosso e total white, mantenendo però lo stile rigoroso impreziosito esclusivamente da pennellate d’oro di micro cinture alla vita.

Linee fluide, sia nei completi con gonna che nei tailleur pantalone dal taglio maschile per Sportmax che gioca con tessuti cangianti e maestosi colli in pelliccia. I tagli sono rigorosi, così come le linee delle giacche che riprendono il gusto orientale dei kimono grazie a cinte in stile obi; se la luminosità arriva dal tessuto, è impossibile non notare le incursioni metalliche degli inserti di maglioni e cappotti, giocati su abbinamenti di colore nei toni del nero, blu e grigio, perfetti anche per gli abiti a tubino che fasciano completamente il corpo.

Emporio Armani lascia quasi la totalità delle gonne in guardaroba, puntando tutto su morbidi pantaloni al ginocchio abbinati a giacche dalle linee morbide, il tutto nei colori del bianco, nero, rosso e blu. Diverse sono le texture a confronto: dal morbido velluto all’impalpabile taffetà, sfruttati per creare morbide decorazioni e preziosi ricami, conferendo femminilità agli outfit resi sensuali da décolleté trasparenti e dominati da {#borse} a tracolla, scarpe dal taglio maschile e divertenti clutch dalle stampe floreali. Dettaglii interessanti sono gli {#accessori}: i divertenti e morbidissimi cappelli in panno e le maxi collane in pietra che si stagliano sui profondi scolli delle giacche e sugli scolli all’americana degli abiti.