Lo scandalo droga di Miley Cyrus non è affatto passato inosservato: tutte le maggiori testate, scandalistiche o meno, parlano del filmato che vede la ex Hannah Montana intenta a fumare salvia psichedelica da un bong. Secondo alcune fonti vicine alla cantante, la giovane non sembrerebbe preoccupata di quanto fatto.

Nonostante Billy Ray, il padre di Miley, si sia dichiarato molto deluso dalla visione del filmato, per la diva di “Can’t be tamed” non vi sarebbe alcun problema nell’assumere questo tipo di sostanze. In altre parole, la Cyrus non giustifica il proprio gesto come una ragazzata, bensì come un atto legittimo e per nulla discutibile.

Certo, questo tipo di droga in California è assolutamente legale quindi, almeno di fronte alla legge, Miley non ha contravvenuto a nessuna regola. Tuttavia gli esperti si dicono preoccupati per gli effetti delle sue dichiarazioni: approvare la droga potrebbe spingere altri a seguire il suo esempio.

Ci sono, inoltre, medici illustri che colgono l’occasione per rimproverare pubblicamente la popstar. Il dottor Drew Pinsky, noto negli USA per un reality dedicato alle celebrity e al rehab, sostiene che l’assunzione di droga da parte della Cyrus risponda a un desiderio di attenzione, probabilmente derivante dal divorzio dei genitori. Si tratterebbe di una reazione assolutamente diffusa fra gli adolescenti che, in caso di depressione, anziché diventare tristi si trasformerebbero in ribelli tossicodipendenti. Sarà davvero il caso di Miley?

In attesa di sapere nuove informazioni sul caso, non ci resta che chiederci se Miley diventerà la nuova Lindsay Lohan.