La crociata di Milly Carlucci contro “Baila!” prosegue senza sosta, anche dopo la messa in onda della puntata pilota del talent di Barbara D’Urso, nonostante una sentenza che, di fatto, ne aveva imposto il blocco. E la conduttrice di “Ballando con le Stelle“, format che il Tribunale di Roma ha considerato come originale rispetto al neonato “Baila!”, non ci va affatto per le leggere: a Canale 5 non solo si copierebbe, ma si mentirebbe anche al pubblico.

L’occasione per il j’accuse, questa volta, non sono più le aule della giustizia, bensì il salotto pomeridiano de “La Vita in Diretta“, dove la Carlucci si è voluta togliere qualche sassolino dalla scarpa.

Galleria di immagini: Baila, concorrenti VIP

Milly ha sottolineato come in Rai la politica aziendale avrebbe imposto un comportamento differente: di fronte a una sentenza, si sarebbe fatto dietrofront e la produzione sarebbe stata cancellata, proprio per rispetto alle istituzioni giudicanti e alla concorrenza. Fatto che, invece, non è accaduto in quel di Mediaset, perché la trasmissione incriminata è comunque andata in onda, seppur con delle modifiche al regolamento. Inoltre, la padrona di casa di “{#Ballando con le stelle}” tiene a rimarcare come, nei fatti, non vi siano queste grandi distanze tra i due format e, non ultimo, si indigna per il ricorso a ballerini professionisti spacciati come gente comune.

«Si tratta di due programmi perfettamente sovrapponibili. In Messico hanno perfino copiato la nostra scenografia. Non si può usare la TV per dire bugie, la TV è autorevole per la gente a casa. Non si può andare in onda e presentare dieci ballerini che hanno fatto gare di ogni tipo e dire “è un agricoltore” o “un impiegato”, omettendo che si tratta di un campione di ballo e per di più farlo dire anche a loro. È falso, è un modo brutto di dire le bugie, mi dispiace per la deontologia televisiva».

Effettivamente, il dubbio che i ballerini “comuni” non fossero semplicemente agricoltori o delle tranquille commesse da supermarket è sorto alla loro prima esibizione e, come se non bastasse, qualche giorno fa in Rete è addirittura emerso come tutti i concorrenti non famosi fossero tesserati nella World DanceSport Federation.

Nel frattempo, {#Barbara D’Urso} stringe l’occhiolino al pubblico, elogiando la produzione per il 18% di share ottenuto con la trasmissione:

«Devo ringraziare i miei e le mie fedelissime: ieri Pomeriggio Cinque e anche Baila! hanno avuto un successo incredibile. Dicono che non è chic dirlo, io non sono chic, sono come voi e vi ringrazio».”

Il volto di Canale 5, tuttavia, rischia di fare i conti senza l’oste: è presumibile che la prima puntata abbia ottenuto buoni ascolti anche per la curiosità sollevata dalle polemiche giudiziarie, il vero verdetto degli spettatori ci sarà a partire dalla prossima settimana.

Fonte: Corriere della Sera.