Un altro pedofilo finito dietro le sbarre. Ogni tanto accade, seppure raramente, che una persona responsabile di abusi su minori venga smascherata, e questa volta a dire basta alla violenza e a rendere pubblico l’accaduto è stata proprio la vittima, una quattordicenne coraggiosa.

La vicenda è accaduta nella provincia di Milano, dove la giovane e malcapitata protagonista di questa storia ha trovato la forza di denunciare il molestatore. A incastrarlo è stato un video che la ragazza ha girato con il suo cellulare, riprendendo proprio il momento in cui subiva abusi sessuali da un uomo, un amico di famiglia.

Le violenze andavano avanti da quando la giovane aveva solo nove anni, finché ha deciso di filmare di nascosto il pedofilo in azione. Un grande coraggio, senza dubbio, trovato anche grazie a un servizio in TV che mostrava una bimba vittima di violenze che spronava i coetanei a non tacere, a chiedere aiuto.

E così ha fatto, raccontando tutto prima alle amiche, a un’insegnante e poi ai genitori, che l’hanno accompagnata dai magistrati per denunciare l’uomo. Grazie alla prova visiva schiacciante, e a una perquisizione in casa del “mostro” che ha fatto scoprire anche una serie di oggetti erotici usati durante questi incontri, l’uomo è stato condannato a otto anni e quattro mesi di reclusione, grazie al rito abbreviato.

Ecco l’ennesimo caso di violenza sessuale, questa volta su una minorenne, che si aggiunge al tragico elenco di vittime di abusi reso noto poco tempo fa dall’Istat. Si parla di cifre molto alte, purtroppo in forte aumento rispetto agli anni passati. Basta pensare che solo le persone di sesso femminile sottoposte a violenza psicologica sarebbero oltre sette milioni.