La famosa casa di produzione Miramax, dopo le dimissioni del presidente Daniel Battsek, che aveva lasciato la carica alla fine di gennaio, sembrava vicinissima alla chiusura defitiva dopo 31 anni di incessante attività produttiva, ma le cose, in questi ultimi giorni, sembrano aver preso una piega differente.

La Disney, infatti, dopo aver messo in vendita la casa di produzione con l’intero catalogo fissando il prezzo a 700 milioni di dollari, avrebbe ricevuto molte offerte che sembrano confermare come ci sia molto interesse per l’enorme libreria di titoli che hanno fatto la storia del cinema.

L’offerta più interessante sembra essere quella della Summit Entertainment, che dopo aver fatto il pieno di incassi con “Twilight” e aver lanciato alcune della nuove stelle più interessanti del firmamento hollywoodiano come Robert Pattinson e Kirsten Stewart, sembra essere orientata a reinvestire immediatamente parte degli introiti ricavati proprio acquisendo la Miramax.

Altra buona notizia, dal mondo delle case di produzione cinematografiche, viene dalla MGM, altro colosso a forte rischio di chiusura che sembra in parte aver risolto i suoi problemi grazie ad un a proroga avuta sul pagamento degli interessi del debito. Proroga che agevolerà le trattative con alcune major che erano interessate all’acquisto come la Lionsgate, Warner Bros. e Spyglass.