Sembra che il concorso di bellezza più importante del nostro paese sia scosso da una notizia insolita, che già sta generando non poche polemiche: tra le sessanta concorrenti che si giocheranno la corona di più bella d’Italia ci sarebbe anche una trans. Questo è quanto affermato da alcune partecipanti, ma il mistero è ancora fitto.

Le opinioni sono diverse, dai dirigenti Rai ai conduttori della manifestazione fino a Vladimir Luxuria, che difende a spada tratta la presunta trans che, a suo parere, avrebbe tutto il diritto di gareggiare esattamente come le altre.

Le trans dopo aver cambiato sesso sono per lo Stato donne a tutti gli effetti. Dopo la rettifica dei genitali la legge consente di essere riconosciuta donna dallo Stato, di avere nome e generalità femminili su tutti i documenti tranne su quello di nascita.

Mentre c’è chi propone di modificare il regolamento all’ultimo minuto, la conduttrice Milly Carlucci difende le ragazze a priori:

Il passato delle ragazze non ci interessa. È irrispettoso e irriguardoso indagare sul passato delle concorrenti. Io qui ho visto soltanto 60 belle ragazze che sfileranno per essere incoronate come la più bella d’Italia.

Ancora più curioso è il commento di Emanuele Filiberto, che affiancherà la Carlucci e secondo il quale si tratta solo di una bufala pubblicitaria.

Ho visto tutte le 60 ragazze e sono molto belle. Se c’è una trans in mezzo a loro, tanto di cappello perché è diventata una donna bellissima.

La situazione è intricata e, come giustamente ha fatto notare Patrizia Mirigliani, è molto delicata:

Al primo posto deve esserci l’attenzione per la sensibilità e la privacy delle ragazze.

Tra qualche giorno probabilmente il mistero verrà svelato, ma è certo che quest’anno la manifestazione in onda dall’11 al 13 settembre sarà la più seguita degli ultimi dieci anni.