Sarà dura per Alassio abituarsi a questo cambiamento: dopo sessant’anni, la sua Miss Muretto è andata in pensione. Il celebre concorso di bellezza che ha incontrato e scoperto personaggi come Maria Teresa Ruta e Simona Ventura, quest’anno non si farà.

E’ ormai passato più di mezzo secolo da quando un rustico muricciolo di fronte al Caffè Roma si è trasformato nel celebre Muretto, un vero e proprio simbolo per la città. Voluto e ideato da Mario Berrino, il monumento conta oggi più di 800 piastrelle in ceramica autografate da personaggi famosi, tra cui la prima firmata da Ernest Hemingway. Con il tempo ha fatto rivivere i momenti della Dolce Vita ed è diventato un punto di riferimento culturale per l’intera riviera di Ponente.

Ora la famiglia Berrino annuncia l’intenzione di intraprendere un progetto di valorizzazione di questo patrimonio comune: “negli ultimi anni il Muretto è stato associato quasi esclusivamente al concorso di bellezza; dopo il successo della scorsa edizione abbiamo sentito forte la necessità di far tornare al centro delle attività promozionali il monumento e la tradizione alassina” sottolinea Francesco Di Biase, nipote di Mario Berrino e promotore delle attività legate al Muretto.

photo credit: marco_ask via photopin cc