Per la prossima primavera 2015 i capi must have sono: gonne dallo stile gipsy, lunghe fino a terra e plissettate; kaftani e tuniche da viaggiatrice dandy, tantissimi abiti e accessori in camoscio con frange; sandali gladiatorgioielli tribali; zeppe anni Settanta; jeans a zampa di elefante e la mitica jumpsuit.

Tutti simboli che si sono imposti sulle passerelle di Milano, New York, Parigi e Londra. Mood lontani dall’epoca attuale e un colossale revival che hanno già fatto soprannominare l’estate che verrà come “la grande stagione degli amarcord”.

Ce n’è davvero per tutti i gusti in questa stilistica nostalgia verso il passato che forse è paura di affrontare un presente e un futuro così incerti. Meglio rifugiarsi nei ricordi, allora, negli Eden perduti in cui tutto sembrava promettere bene.Si passa dall’allure gipsy degli abiti e delle lunghe gonne plissè soleil, così zingaresche e gitane nei colori e nel design – come quelle presentate in passerella da Just Cavalli, con colori molto vivaci come il rosso e il verde – all’esatto contrario ovvero al filone ethno-chic che Etro, meglio di tutti, ha saputo bene riproporre in tutti i suoi codici e stilemi. Tra le proposte una serie di eleganti kaftani, ampi e leggeri, perfetti per muoversi e viaggiare e che certamente le globe trotter più colte e raffinate adotteranno subito come loro divisa; le tuniche proposte sia in delicate, quasi sbiadite, fantasie floreali sia in morbido suede; e poi i grandi must della viaggiatrice dandy: gioielli tribali e amuleti, giacche e accessori con frange. Ai piedi? Niente tacchi, solo flat shoes in camoscio stile gladiatore con intreccio arrampicano fin sul ginocchio e legacci stile schiava.

Se la disco music ormai è storia, non è così per gli anni Settanta che irrompono in passerella: si passa da trionfo di microgilet ricamati a fiori e profilati di camoscio sovrapposti a camicie bianche e jeans a zampa d’elefante abbinati, naturalmente, a super zeppe, oggi come ieri. Zeppe che fanno il paio con un altro capo must have di questa estate, la mitica jumpsuit dello “Studio 54” da indossare anche con con sandali dorati dai tacchi vertiginosi per scatenarsi in pista tutta la notte. Anche gli occhiali, naturalmente, sono anni Settanta con grandi montature stile Jackie Kennedy.

Galleria di immagini: Primavera 2015: i capi must have