Conferme, ritorni, novità: la moda primavera estate 2016 presenta capi must have che non potranno mancare nei guardaroba della prossima stagione. Vi spieghiamo come districarvi tra le tante proposte.

Galleria di immagini: Moda primavera estate 2016, le foto dei capi must have

Ecco 10 capi must have da tenere in considerazione se si vuole essere alla moda all’arrivo della primavera.

  1. Salopette: non solo jeans, lunga o corta, ma in varianti glamour e fantasie di tendenza, come l’outfit sovrapposto con maxi righe visto sfilare da Iceberg. Per una moda comoda con un tocco di originalità. Chi non ha un seno piccolo dovrebbe farebbe attenzione che le bretelle non appesantiscano il décolleté.
  2. Pajamas: i completi fluidi come pigiama tornano anche quest’anno, dopo la fortuna ottenuta la scorsa primavera estate. Mannish e dal fascino noir si declinano in pantaloni, morbidi e confortevoli, rubati al guardaroba maschile. Davvero chic quelli proposti da Riccardo Tisci per Givenchy, in impalpabile satin e accompagnati da altrettanto impalpabili spolverini in seta che ricordano “chicchissime” vestaglie d’altri tempi. Da curare minuziosamente accessori e dettagli, per non correre il rischio di sembrare davvero appena uscite dal letto.
  3. Camicia bianca: più che un must un evergreen, completamente rivisitate da piccoli e grandi marchi di moda, modelli cut-out con ricami preziosi, forme mannish oversize, strutture di ispirazione ottocentesca e novità più grintose dai dettagli eccentrici. Da Giambattista Valli si fanno quasi trasparenti e dal vago richiamo guru. Perfette su tutto, si arricchiscono e si esaltano con accessori e dettagli.
  4. Spalle scoperte: largo a top, abiti e coordinati fashion che avvolgono il collo e spesso continuano con maniche lunghe o midi lasciando però in bella vista le spalle. Fendi fa sfilare un abito fatto di tagli e nudità con sovrapposizioni e cuciture maxi. Le spalle scoperte stanno bene a tutte, a patto che non si sia soggette all’antiestetico braccio ad ala di pipistrello.
  5. Camoscio: un ritorno in grande stile, soprattutto quando scelto per capi dall’immortale stile anni ’70. Total look di suede color caramello per Alberta Ferretti, morbido e avvolgente. Non ha controindicazioni, se non la cura da tenere per ogni capo in questo materiale in caso di pioggia.
  6. Gonna a tubo: la tendenza continua a volerla longuette e a vita alta, una variante iper femminile che sta molto bene a donne con le curve dalla bellezza procace. Alessandro Michele per Gucci la fa indossare, invece, a una delle sue esili modelle dalla sessualità poco pronunciata, ma la declina in mille varianti diverse, comprese delle maxi righe colorate.
  7. Mini abito anni ’60: a trapezio, collo alto e senza maniche e chiaramente cortissimo. Perfetto se si è giovani e filiformi come Shrimp (gamberetto), la celeberrima Jane Shrimpton che proprio degli anni Sessanta, per il suo fisico sottilissimo, è stata un’icona indiscussa. Le proposte in questa primavera estate 2016 sono come ogni anno tantissime. Maria Grazia Chiuri e Pierpaolo Piccioli per Valentino scelgono una fantasia geometrica e colori tenui: delizioso.
  8. Abito in pizzo sangallo: ogni anno i bauli delle nonne chiusi in soffitta rischiano di essere depredati alla ricerca di uno di quei pizzi sangallo pregiatissimi tutti giocati sull’arte del ricamo. La collezione Philosophy disegnata da Lorenzo Serafini propone vestiti in pizzo sangallo trattenuti da guaine e costruiti come corsetti, maxi dress in chiffon decorati da motivi toile de jouy e movimentati da ruches e volant. Solo per ragazze romantiche.
  9. Felpa ricamata: la tendenza sporty si evolve e si fa più femminile con le felpe arricchite da applicazioni preziose. Massimo Giorgetti attualizza l’attitude di Emilio Pucci e non si limita a stampare semplicemente i suoi disegni, ma li rende più astratti e poi tridimensionali, impressi su reti e ricami. Per chi cerca un impatto fresco e dinamico, ma con stile.
  10. Shorts a vita alta: negli anni li abbiamo visti diventare sempre più corti e attillati, mettendo a dura prova la capacità di autocritica di tante. Ora gli shorts à la page sono quelli a vita alta, come quelli di Dolce & Gabbana, adatti a donne formose che vogliono mettere in evidenza fianchi e lato b, ma raccomandati solo a giovanissime con pelle ancora non toccata da rilassamenti e scorze d’arancia.