Non solo ballerine: la moda primavera estate 2017, infatti, prevede una serie di modelli di scarpe basse ultra glamour e super chic. All’insegna del colore, di trovate bizzarre, di abbinamenti di tendenza, le proposte degli stilisti sono davvero infinite tra tutti modelli per la prossima stagione.

Le scarpe basse, d’altronde, non hanno nulla da invidiare alle scarpe alte e ai sandali con zeppa e non si confanno soltanto a donne che amano stare comode, ma ormai soddisfano anche tutte quelle fashion victim che non riescono a rinunciare ad essere sempre glamour e ricercate.

D’altronde, lo stesso Manolo Blahnik, intervistato dall’Ansa, ha dichiarato: “A me piacciono le scarpe esagerate, piene di gioielli, di bijoux, sono un esercizio di creatività, ma ora  sono passato ai tacchi bassi perché amo cambiare e i tacchi bassi sono un modo difficile per trasmettere la femminilità giusta“. E se lo dice Blahnik, possiamo davvero crederci.

Scopriamo quindi sette tendenze in fatto di scarpe basse della moda primavera estate 2017.

Galleria di immagini: Moda primavera estate 2017, scarpe basse, foto e prezzi

  1. Slingback: è un modello diventato celebre grazie alla solita Coco Chanel che, nel 1957, lanciò la Two Tone, una décolleté con tallone aperto, tacco basso e fantasia bicolor in color cammello con punta nera. Questa primavera conosce una seconda vita grazie a modelli a dir poco strepitosi. Accanto alla slingback Dior, con fascetta con scritta J’Adior, vista già ai piedi di it girl e celebrities, è da segnalare quella di Fendi, un sandalo in pelle multicolor con applicazioni in metallo e borchie in plexi che compongono il motivo Fendi Faces in punta. Il cinturino slingback è a contrasto regolabile con fibbia in metallo; il tacco è basso e sottile. Ad Alessandro Michele si devono alcuni degli accessori Gucci più cool di stagione e accanto a borse desideratissime da mezzo mondo, ci sono scarpe che si candidano a divenire dei veri must have. Tra questi, il décolleté tacco basso in pelle metallizzata verde chiaro con borchie e cinturino posteriore elasticizzato. Il cinturino in vinile trasparente è presente su entrambi i lati per assicurare un ulteriore sostegno.
  2. Sandali: i diktat dell’anno li vogliono con tacchi bassi ma inusuali, come dalle parti di Sportmax, in cui il modello in camoscio grigio ha profilo spuntato e tacco smisurato reso particolare dall’esclusivo design esagonale. I sandali piatti di Stella McCartney, invece, sono decorati da bottoni a pressione e tacchi a cono. Le finiture olografiche sono realizzati con una tecnica a risparmio idrico, fedele all’impegno ecosostenibile e cruelty free della stilista britannica. Entrambi i modelli valorizzano al massimo look con gonne o pantaloni.
  3. Sabot e mule: sono modelli arrivati dritti dal revival degli anni Settanta e Novanta. Chanel propone un prezioso modello in pelle color blu marine e grosso logo sul tacco, perfetti da abbinare in modo chic e ricercato, con jeans a zampa e minidress floreali. Santoni, invece, preferisce il canvas nei toni del beige e del blu, con nappine in vitello blu, un modello dall’ispirazione d’antan, perfetta per moderne dandy metropolitane.
  4. Sneakers e allacciate: si portano sotto i jeans, i pantaloni ma anche con gonne lunghe e sbarazzine, per un look più fresco e originale. Prada declina le allacciate in vitello spazzolato arricchendolo con applicazioni di fiori in pelle. La zeppa bicolore è in corda; mentre Hogan, decano delle sneaker di lusso, ha realizzato un modello in nabuk con dettagli in pelle metal e guardolo in corda, per uno stile casual tutto da provare.
  5. Espadrillas: vantano un’antichissima origine, secondo alcuni trovano radici addirittura in epoca greco-romana. Le scarpe dei Pirenei, con la suola di corda di iuta, erano amate da Pablo Picasso, Grace Kelly e Salvador Dalì. Oggi sono state rivisitate in mille modi, colori e materiali, arrivando a costare anche svariate centinaia di euro. Saint Laurent ha realizzato delle espadrillas nere e bianche con paillettes star applicate e linguetta posteriore in grosgrain. Più abbordabili economicamente, le espadrillas bianche legate alle caviglie con nastro nero di Zara.
  6. Ciabattine: sono tra le scarpe preferite dalle fashion victim, sia fashion blogger, che editor, influencer e stylish girls. Sono senza dubbio molto comode ma vanno scelte con cura e abbinate con occhio attento al buon gusto, per non scadere nell’ordinario. La ciabatta diventa così un gioiello, grazie a dettagli che fanno la differenza, e regala al look quel tocco etnico che scalda il fascino femminile. Tod’s propone un modello in raffinata pelle liscia con frange in colore a contrasto, nappine, dettaglio in metallo, guardolo in cuoio e particolare suola in extralight con gommini a rilievo. Da Valentino, invece, la ciabattina è in camoscio con fiocco decorativo sul davanti e suola in corda
  7. Ballerine: la madre del grande Roland Petit, Rose Repetto, cercò di soddisfare la richiesta del figlio di poter danzare in scarpe più pratiche costruendole per lui con particolari rinforzi, suola piatta e ampio scollo sul dorso del piede. Nacquero così le ballerine e saranno Brigitte Bardot, Audrey Hepburn e Jackie Kennedy a decretarne quella fortuna che dura ancora oggi. Due le scarpe basse che si evidenziano quest’anno: la Ballerina Round Belle di Roger Vivier, in vernice con applicazioni Round Dot a contrasto, fibbia rotonda in metallo ispirata a una crezione d’archivio della Maison e suola in cuoio; sofisticata e delicata la ballerina di Ferragamo con fiocco Vara e un ricamo artigianale che la rende preziosa.