Siete incinta, felici ed esaltate ma avete paura che dopo il parto non riuscirete più a ricordare la magia di questo periodo? Non preoccupatevi, oggi vogliamo darvi qualche consiglio, qualche metodo originale per documentare la gravidanza, in modo che anche dopo un po’ di tempo, ripensando ai nove mesi di dolce attesa li ricorderete come un periodo meraviglioso ed emozionante, e potrete condividere i vostri ricordi con il partner o quando sarà più grande anche con il vostro bimbo.

I modi per documentare la {#gravidanza} potranno essere i più svariati, usate la vostra fantasia e la vostra creatività e sappiate che ogni ricordo, anche il più banale, a distanza di tempo vi sembrerà importantissimo.

Il baule dei ricordi: un primo metodo per documentare la vostra gravidanza in maniera originale potrebbe essere quello di raccogliere oggetti, foto e tutto quello che vi fa pensare al vostro piccolo in arrivo in un baule (ma andrà bene anche una scatola magari decorata da voi). A partire dal test di gravidanza, se lo avete fatto, passando per il risultato dell’esame del sangue che vi ha dato la conferma.

Raccogliete per esempio gli scontrini del giorno in cui avete scoperto di essere incinta. Cosa avete mangiato quel giorno, che film avete visto, a quale concerto avete assistito, cosa avete comprato. Sarà buffo a distanza di anni riscoprirlo aprendo la scatola. Ovviamente conserverete anche le ecografie, le foto del vostro pancione che cresce, le riviste che leggete.

Il diario giorno per giorno: un altro modo per ricordare passo passo la gravidanza è quello di annotare su un diario quello che vi succede, le vostre emozioni, i vostri sogni, le speranze, le sensazioni che provate nel sapere che c’è un bimbo che cresce dentro di voi. Il diario è per antonomasia il modo migliore per fermare i ricordi. Scrivete qualche riga ogni giorno, alla fine avrete nove mesi di memorie, avrete attaccato fotografie, e quantaltro avrete voluto incollare o conservare nel diario. Se volete potete anche chiedere a un’amica o al vostro compagno di scrivere un pensiero di tanto in tanto, per leggere a distanza di anni anche le emozioni che la vostra gravidanza ha suscitato nelle persone a voi care.

Il calco del pancione: moda diffusa più all’estero che in Italia, specie a Hollywood dove ha contagiato anche molte star, come la belissima modella australiana Miranda Kerr che durante la gravidanza aveva dichiarato di voler un calco del suo pancione proprio per ricordarsi sempre di com’era durante la dolce attesa. In vendita ci sono kit appositi e Internet è ricca di tutorial, tra i quali video dettagliati su YouTube per capire come farlo direttamente da se. Potrete decorarlo, dipingerlo, firmarlo e resterà per sempre a memoria del vostro pancione.

Album scrapbooking: siete esperte di decorazione? Allora lo scrapbooking non avrà più segretei per voi. Quale momento migliore della gravidanza per scoprire i segreti di una tecnica di decorazione libera e adatta a tutti? Raccogliete le foto della vostra pancia che cresce, dei luoghi che visitate, gli scontrini, le ecografie e incollate un pezzetto per volta su cartoncini colorati o fogli di carte diverse una dall’altra, aggiungete il journaling (le scritte che vi permettono di ricordare cosa c’è nell’immagine) e decorate con timbrini, disegnini, stickers e tutto quello che la vostra fantasia vi consiglia, e alla fine rilegate l’album con anelli di plastica o di metallo con spiraline o fascette colorate.