Le ragazze del nuoto azzurro fuori dalla 4×200. Non basta Federica Pellegrini per far avanzare la staffetta italiana, che conclude con il 13° tempo la gara. Finisce così anche la sua esperienza ai Mondiali di Shanghai, con la campionessa che non parteciperà alla prova degli 800 stile libero. La manifestazione le ha però regalato il secondo successo consecutivo nei 200 e 400 s.l., consegnandola definitivamente alla storia come prima donna a riuscire nell’impresa.

Le azzurre non riescono ad incidere e salvo l’eccezione della Pellegrini, che realizza un parziale di 1′ 58” e 08, nessuna riesce a scendere al di sotto dei 2 minuti. Pagano un po’ l’emozione le più giovani Alice Nesti e Alice Mizzali, mentre per Renata Fabiola Spagnolo la prova peggiore dopo il suo trasferimento negli Usa:

Galleria di immagini: Federica Pellegrini

“Il cambiamento drastico in America speravo di subirlo un po’ meno – dice l’azzurra – è la prima volta che in una gara internazionale faccio così male. Sono quasi choccata”.

Si rammarica anche la Pellegrini, che sperava in un risultato migliore per la squadra italiana. Nel prossimo futuro ci sarà margine per migliorare, a patto di lavorare sodo:

“Mi aspettavo qualcosa di più io sapevo di dover recuperare qualche posizione. Nelle ragazze c’era un po’ di tensione, è normale: ci sarà solo da crescere”.

Avanza nei 200 rana Chiara Boggiatto, giunta quindicesima con il tempo di 2′ 27” e 84. Nelle altre gare in cui erano impegnati gli azzurri troviamo Mattia Pesce, fuori nei 200 rana, mentre approda in semifinale Sebastiano Ranfagni nei 200 dorso.