Si sente come una pera matura, ma a vederla certo non si direbbe. Monica Bellucci ha molto da raccontare, e il salotto del “Chiambretti Night” sembra il luogo perfetto per mettere a nudo i suoi pensieri riguardo l’amore, la gelosia, il sesso.

La splendida attrice perugina si racconta senza inibizioni, svelando qual è la sua personale definizione di erotismo, che a quanto pare è lontano dal semplice amplesso fisico, ma è molto legata alla trasgressione e al proibito.

L’erotismo per me è rappresentato da quello che non conosci, tutto quello che non è concesso.

Mamma di due bimbe, delle quali un’avuta da pochi mesi, la moglie di Vincent Cassel sembra non abbia paura del tempo che passa, né degli inevitabili cambiamenti che una gravidanza lascia sul corpo di una donna.

La bellezza passa, almeno quella biologica, meglio se c’è quella spirituale. Io da bambina ero timida, schiva, non mi sentivo bella. Quando si è carine c’è sempre un esame a priori. Quando invecchierò inizieranno a dire che sono brava.

Intanto si attende con trepidazione il libro autobiografico che uscirà il 10 novembre, dal semplice titolo “Monica Bellucci”, che si dice conterrà numerosi scatti di nudo della star internazionale, che stando alle sue parole hanno il fine di esprimere l’espressività primordiale del corpo.

E se Monica afferma di non essere gelosa quando vede il bel marito baciare altre donne sul set, ammette tuttavia che Robert De Niro rappresenta un caso atipico. Ecco come la mora attrice descrive la star di Hollywood, incontrata recentemente sul set di “Manuale d’amore 3“:

Nel nostro lavoro di attori è una cosa a parte, vedere baciare mio marito un’altra in un film non mi fa alcun effetto. Mio marito avrebbe ragione a essere geloso di Di Niro, è un uomo affascinante, c’è stata una bellissima alchimia tra noi.