Sono passati 15 anni, periodo durante il quale Monica Lewinsky non ha mai voluto parlare. Non ha mai detto la sua sullo scandalo sessuale che l’ha vista protagonista assieme a Bill Clinton, l’uomo candidato alla presidenza degli Stati Uniti d’America. Fu uno scandalo di portata colossale, ma Monica non parlò: “Sino adesso sono stata timida, per paura di diventare un problema per la campagna elettorale di Hilary Clinton. Ma posso tenere la mia vita sospesa per altri 8 o 10 anni?”, sono le parole della Lewinsky, oggi 40 anni, a Vanity Fair.

Galleria di immagini: Monica Lewinsky: le più belle immagini di una donna passata alla storia

L’ex stagista, una laurea in psicologia sociale, lancia una dura accusa a Bill Clinton, persona che si sarebbe approfittata di lei ingenua 22enne alle prime armi: “Ovviamente era il mio capo e ne ha approfittato ma sono sempre stata ferma su un punto: è stata una storia consensuale – le sue parole – gli abusi sono arrivati dopo, quando sono diventata un capro espiatorio per chi voleva proteggerlo. L’amministrazione Clinton, i politici di tutti e due i partiti e i media sono stati capaci di marchiarmi a vita”.