Sembra che Morgan non riesca a trovare pace: prima le sue sconvolgenti dichiarazioni su un presunto uso terapeutico della cocaina e ora le accuse da parte dell’ex moglie Asia Argento.

L’attrice, infatti, ha chiesto al Tribunale la decadenza dalla potestà genitoriale di Morgan sulla figlia di nove anni Anna Lou.

Ma il cantautore, noto anche per la sua partecipazione a “X-Factor“, non ci sta e preferirebbe morire piuttosto che perdere l’amata figlia.

Il suo sfogo è stato ripreso dal settimanale “Oggi” e mostra un lato inedito di Morgan, quello di padre affettuoso:

Ho detto di usare droga solo per pubblicità. Ora non mi drogo più. Nessuno può togliermi mia figlia. Anna Lou mi fa felice e io voglio renderla felice. Ultimamente Asia mi ha impedito di vederla, senza spiegazioni. E allora va bene, che i giudici facciano il loro lavoro: io non ho niente da nascondere. Preferirei morire piuttosto che vedermi privare del mio essere padre. Anna Lou è tutta la mia vita.

Asia Argento ha accusato Morgan di essere un padre totalmente inaffidabile e ciò avrebbe portato l’attrice a rimandare alcuni impegni lavorativi per occuparsi a tempo pieno della figlia.

A questo si aggiungerebbero altre inadempienze del cantante di natura prettamente economica. Inoltre, la camera destinata ad Anna Lou sarebbe occupata da Fabio Cinti, amico e collega di Morgan.

L’udienza in tribunale è stata fissata il 29 aprile. La battaglia legale dell’ex leader dei Bluvertigo è appena cominciata.