Si può morire per una tinta ai capelli? Purtroppo sì. È quello che è successo nel 2011 a Julie McCabe, una donna inglese di 39 anni, madre di due bambini. I medici all’epoca non erano riusciti a capire la gravità della sua allergia ai coloranti, coloranti letali per lei tanto da provocarle la morte.

A scatenare la reazione allergica era stato un semplice prodotto per tingere i capelli. Per curare le eruzioni cutanee e i gonfiori apparsi alla donna i medici le prescrissero delle banali creme, sottovalutando la gravità della situazione. Purtroppo a queste manifestazioni superficiali si aggiunsero difficoltà respiratorie e insufficienza cardiaca che le provocarono danni cerebrali. Finita in coma, la donna dopo poco è deceduta. Un esperto al “Mirror” ha però voluto sottolineare che la situazione è degenerata in maniera così drastica non solo per quell’unico utilizzo della tinta:

“Il colorante messo sui capelli è stato la causa della reazione allergica, ma l’uso regolare nel corso degli anni ha probabilmente contribuito ad aumentarne la gravità. Le reazioni allergiche ai coloranti per capelli sono comuni e ben conosciute, ma la reazione anafilattica e la morte sono estremamente rare”.

Con queste parole l’esperto ha voluto ricordare che è necessario riporre molta attenzione nell’uso di sostanze coloranti per capelli, ma ovviamente da uno sporadico caso non bisogna creare allarmismi sterili.