Celebra i suoi primi 10 anni di creatività, artigianalità e innovazione la mostra Mary, Queen of Prints dedicata a Mary Katrantzou al Dallas Contemporary. On show oltre 200 look e accessori con cui la giovane fashion designer ha dato il suo contributo alla moda contemporanea. Chi volesse visitarla ha tempo fino al 18 marzo 2018 (se vi trovate negli Stati Uniti o in Texas non potete assolutamente perderla).

Soprannominata dai media la “Regina delle Stampe”, Mary Katrantzou è divenuta celebre per la sua abilità di giocare con le silhouette, per l’uso del trompe-l’oeil sui tessuti e per le stampe digitali.

courtesy: press office

Nata ad Atene, la stilista ha studiato Architettura alla Scuola di Design del Rhode Island, e Textile Design & Fashion alla Central Saint Martins di Londra. Si è fatta presto notare per la particolarità delle sue creazioni, vincendo, tra gli altri premi, lo Swiss Textiles Award nel 2010, il British Fashion Award for Emerging Talent nel 2011, il Young Designer of the Year agli Elle Style Awards nel 2012 e il Vogue Designer Fashion Fund nel 2015. Negli anni ha collaborato anche con Adidas, Longchamp, Swarovski e Moncler.

courtesy: press office

I suoi lavori nascono con un’idea o un’immagine che si evolve in un viaggio caleidoscopico. La sua fonte d’ispirazione? Spesso sono oggetti ordinari, simboli di un’infanzia idilliaca, personaggi Disney e ricordi della sua Grecia.

courtesy: press office

L’esposizione ripercorre la sartoria architettonica e le tecniche inventive della stilista raggruppando i suoi lavori in base al colore, fondamentale per l’estetica del brand. “Tutte le mie stampe sono realizzati con la tecnologia digitale. Questo mi consente di sperimentare con tecniche innovative e all’avanguardia… Posso rendere possibile l’impossibile, surreale il reale e viceversa”, ha spiegato Mary Katrantzou sul suo lavoro.

courtesy: press office

Mary, Queen of Prints, curata dal direttore del museo Peter Doroshenko e dalla direttrice Justine Ludwig è aperta dal martedì al sabato dalle 11 alle 18, la domenica dalle 12 alle 17, ed è chiusa il lunedì.

courtesy: press office