La 73a edizione della Mostra del Cinema di Venezia avrà come madrina Sonia Bergamasco. A lei il compito di aprire ufficialmente le danze il 31 agosto con la classica cerimonia di apertura e di chiuderle il 10 settembre, con le premiazioni. L’attrice, tra le più raffinate del panorama italiano, è già molto conosciuta dal grande pubblico, però cogliamo l’occasione per sapere qualcosa in più su di lei.

  1. 50 e non dimostrarli. Rispetto a chi l’ha preceduta, Sonia Bergamasco è una sorta di “sorella maggiore” dato che lo scorso gennaio ha compiuto 50 anni. È vero: non li dimostra affatto, però lei dice di trovarsi molto bene raggiunta questa età e di non aver alcuna paura del tempo che passa.
  2. La sua “prima volta”. Sonia Bergamasco è già stata diverse volte al Lido, la prima nell’ormai lontano 2001 come protagonista del film “L’amore probabilmente” di Giuseppe Bertolucci.
  3. L’amore per il teatro. L’attrice ha iniziato la sua carriera a teatro, dopo essersi diplomata presso la Scuola del Piccolo Teatro di Milano, con un “Faust” diretto dal grande Giorgio Strehler. Da quel momento non ha più abbandonato il palcoscenico e ogni tanto si mette anche alla regia: il prossimo autunno, per esempio, debutterà con lo spettacolo “Louise e Renée” dirigendo le colleghe Federica Fracassi e Isabella Ragonese.
  4. Dal cinema impegnato a Zalone. Sonia ha sempre prediletto il cinema d’autore (è stata diretta, per esempio, da Marco Tullio Giordana in “La meglio gioventù” e “Sanguepazzo”, ma anche da Bernardo Bertolucci in “Io e te”), poi però qualche mese fa è arrivata nelle sale al fianco di Checco Zalone in “Quo Vado?”. Com’è stato il suo debutto comico? Sorprendente.
  5. Spesso in tv. Non disdegna il mondo delle fiction tv. Tutti la ricordiamo in serie di successo come “Tutti pazzi per amore” e “Una grande famiglia”, mentre ora è presenza fissa ne “Il commissario Montalbano”.
  6. Tra musica e poesia. Sonia si è anche diplomata in pianoforte al Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano e ora, per passione, si è messa a studiare violoncello. Scrive anche poesie e finora ha pubblicato tre raccolte (“Il quaderno”, “Cantiere poesia” e “Orfeo bambino”).
  7. L’amore. È felicemente sposata da 15 anni con il collega Fabrizio Gifuni, da cui ha avuto due figlie: Valeria (12 anni) e Maria (10).