La Mostra del Cinema di Venezia 2016, che segna la 73a edizione della kermesse (31 agosto – 10 settembre), promette di regalare dei film indimenticabili. Sulla carta, infatti, il programma sembra essere uno dei migliori degli ultimi anni. Madrina della kermesse Sonia Bergamasco.

In apertura “La La Land” di Damien Chazelle (in concorso) con Emma Stone e Ryan Gosling: un musical ambientato a Los Angeles che racconta la storia di Mia, aspirante attrice, e di Sebastian, musicista jazz, che cercano di realizzare i loro sogni.

Sempre in concorso è “The Light Between The Ocean” di Derek Cianfrance, che ci conduce su una remota isola israeliana negli anni successivi alla Prima Guerra Mondiale dove vive una coppia, composta da Tom (Michael Fassbender) e Isabel (Alicia Vikander), che vede arrivare una neonata direttamente dal mare.

A tornare al Lido, dopo la bellezza di sette anni, è Tom Ford: lo stilista-regista presenta (in concorso) “Nocturnal Animals”, un thriller romantico dal cast importante (Jake Gyllenhaal, Amy Adams, Michael Shannon, Aaron Taylor-Johnson, Isla Fisher e Laura Linney).

Tutti sono curiosi di vedere Natalie Portman (in concorso) nei panni di Jacqueline Kennedy, diretta da Pablo Larrain in “Jackie”. In concorso anche grandi autori come Emir Kusturica con “On The Milky Road”, Terrence Malick con “Voyage Of Time: Life’s Journey” e Wim Wenders con “Les Beaux Jours D’Aranjuez”.

Da non dimenticare, poi, gli italiani in gara per il Leone d’Oro, ovvero “Questi giorni” di Giuseppe Piccioni, “Piuma” di Roan Johnson e “Spira Mirabilis” di Massimo D’Anolfi e Martina Parenti.

Anche il fuori concorso non scherza, dato che ci porta “Hacksaw Ridge”, la nuova prova da regista di Mel Gibson che racconta la vera storia di Desmond Doss, un uomo che durante la Seconda Guerra Mondiale salvò 75 persone. Punta sul genere western Antoine Fuqua con “The Magnificent Seven”, mentre il regista iraniano Amir Naderi (che quest’anno a Venezia riceverà il premio Jaeger-LeCoultre Glory to the Filmmaker 2016) presenta “Monte”, girato in Italia. Fuori concorso anche “Tommaso”, che segna il ritorno di Kim Rossi Stuart dietro la macchina da presa e “The Young Pope”, la serie tv di Paolo Sorrentino.

Tra le varie sezioni collaterali, quella che quest’anno merita particolare attenzione è Cinema nel giardino, dove spiccano “In Dubious Battle” di James Franco e “L’estate addosso” di Gabriele Muccino.