La 72a Mostra del Cinema di Venezia sta pian piano volgendo al termine e lo si può anche notare dalla scarsità di star che in questi giorni sta popolando il Lido e soprattutto il red carpet: molte di loro sono già volate a presenziare altri festival e eventi.

Pochi lustrini a favore in un minimalismo (vagamente radical chic) di personaggi che hanno sempre messo al primo posto l’arte e non se stessi e la loro immagine. Parliamo per esempio di Laurie Anderson, musicista e artista multimediale, in concorso con il film “Heart of a Dog”: per lei un look total black, in cui si concede solo una sciarpa con grandi fiori rossi.

Galleria di immagini: Valeria Marini scuote il red carpet minimal della Mostra del Cinema di Venezia

Essenziale, ma molto elegante, l’outfit dell’attrice polacca Paulina Chapko (protagonista dell’applauditissimo “11 minuti”) che ha optato per un abito blu dalle linee asciutte con scollatura profonda. Con lei la collega Agata Buzek, che si è presentata più castigata, con una casacca-abito bianca abbinata a dei pantaloni neri.

Avvistata ieri sera anche la madrina Elisa Sednaoui, con romantico abito bianco con foglie nere applicate: innegabile la sua classe.

È allora già tutto finito il glamour, lo scintillio del red carpet che attira fan e fotografi e regala al cinema quella magia un po’ felliniana del barocco e dell’opulenza? No, almeno finché nei pressi del Lido rimarrà Valeria Marini, che ha riempito la sua valigia con abiti a sirena dall’effetto vedo-non vedo, lustrini e attillate trasparenze. Stavolta è il momento di uno dei suoi grando amori, l’oro. Il suo outfit in total gold paillettato ha scosso la sobrietà che permeava la serata: impossibile per lei passare inosservata.