Motivazioni dieta e palestra: a volte sono necessarie perché è importante essere pronte a livello psicologico e convinte di determinate scelte utili per la nostra salute come una dieta o un allenamento costante e seguito.

Molte donne sono infatti pigre o semplicemente preferiscono – o sono abituate – ad uno stile di vita meno dinamico. Andare in palestra con continuità o seguire una dieta con rigore più o meno ferreo sono tutte azioni che richiedono buona volontà.

La testa prima di tutto, insomma. Spesso, però, basta soltanto darsi le motivazioni giuste, o avere qualcuno o qualcosa che aiuti a perseguire gli obiettivi prefissati (un’amica che seguirà le stesse lezioni in palestra, ad esempio, ma anche i cibi adatti a restare motivati).

Scopriamo dunque com’è possibile darsi delle motivazioni per andare in palestra o seguire una dieta e riuscire così a raggiungere la forma desiderata.

  1. Se si è pigre o abituate ad avere uno stile di vita sedentario, bisogna iniziare ad abituarsi gradualmente al cambiamento. Il periodo di adattamento dura qualche giorno ma bisogna essere pronte a resistere e a non cedere ai primi tentennamenti. Passati i primi giorni, l’adattamento vien da sé, e questo vale sia per andare ad allenarsi in palestra sia che per seguire una dieta.
  2. Essere motivate è un atteggiamento che va educato per gradi. Cambiare improvvisamente tutte le proprie abitudini, in modo netto e radicale, potrebbe avere l’unica conseguenza del sentirsi frustrati. Iniziate andando in palestra due volte la settimana poi magari ad andare tre volte. Per quanto riguarda la dieta, non eliminate di colpo tutti i cibi che piacciono, meglio iniziare con il ridurre le quantità e quindi procedere ad eliminare gli alimenti che dovremmo evitare.
  3. C’è un vestito che vi piace molto ma non vi sentite di indossarlo perché avete qualche chilo in più? Ecco, riuscire ad indossare quel vestito potrebbe essere un’azione da prendere a pretesto per sentirsi motivate ad andare più spesso in palestra, ma anche per seguire attentamente la dieta.
  4. Essere motivate non significa non cedere mai ai segnali che sta lanciando il corpo. Se un giorno ci si sente particolarmente stanche e non si vuole andare in palestra, meglio riposare e riprovare il giorno dopo. Lo stesso vale per il concedersi uno strappo alle regole della dieta ogni tanto.
  5. Essere motivate significa anche lavorare su se stesse senza fare paragoni con le altre. Meglio darsi degli obiettivi reali e poi impegnarsi per raggiungerli, senza avere la smania di assomigliare alla top model di turno.
  6. Bisogna andare in palestra e mangiare sano soprattutto perché si vuole bene a se stesse e si tiene alla salute. Come conseguenza vi vedrete più belle ai vostri occhi e a quelli degli altri.
  7. Se siete stressate, non c’è miglior cura dell’allenamento fisico. Basta a quante endorfine scatena il movimento fisico e a quanta energica tutto questo può dare: andare in palestra e fare attività sportiva sono un toccasana a livello psicofisico. Più energia, più grinta e più forza di volontà aiuteranno poi anche a mangiare in modo più sano.
  8. Impegnatevi inizialmente e attendete con pazienza i primi risultati di dieta e palestra: saranno proprio questi ultimi a dare le motivazioni migliori e più efficaci, insieme alla voglia di proseguire e di fare sempre meglio.
  9. Se la motivazione cala, è importante fare qualcosa di concreto per riattivarla. Uscire a fare una passeggiata, ascoltare della musica, incontrare un’amica, distrarsi in qualsiasi modo consentirà di tornare positive e di non abbandonare gli obiettivi prefissati.
  10. Essere positive, essere sorridenti, evitare di costruirsi falsi problemi, cercare di piacersi così come si è e di migliorare quello che è possibile fare senza stressarsi troppo. Alimentate le motivazioni con tutto questo.