Una coppia non può andare sempre d’accordo: a volte appare difficile persino andare d’accordo con se stessi, figurarsi con qualcun altro, anche con la persona che più si ama al mondo. E in fondo è l’amore che spinge a discutere: si può litigare solo con qualcuno a cui si tiene, perché altrimenti tutto cade nell’indifferenza. Ma ci sono litigi e litigi: alcuni sono importanti e il chiarimento può essere fondamentale per comprendere dove andrà la propria relazione, mentre altri sono di poco conto e potrebbero essere evitati. Ecco quali.

Ogni coppia, per esempio, almeno una volta nella vita, si è ritrovata a litigare per i calzini o le mutande in giro, lasciate da qualche uomo distratto. Intanto parlarne serenamente potrebbe essere una buona mossa, ma in questo modo non è detto che il problema si risolva. Si possono comprare dei cesti per dividere la biancheria prima del lavaggio e mostrare al proprio uomo come funzionano. Se anche così lui lascia la sua roba sporca in giro, amore o no, c’è una sola cosa da fare: un calcio a tutto sotto al letto e quando non avrà più mutande pulite da mettersi, alla fine, forse capirà.

Un altro dei litigi frequenti è dovuto alla differenza di vedute sul percorso da effettuare quando si è in macchina e si sta andando insieme in un posto. Alcuni uomini non tollerano essere contraddetti, anche se il loro senso dell’orientamento è quello di una mosca in un barattolo di vetro. Anche in questo caso fa bene lasciare all’uomo commettere i propri sbagli: in fondo, sbagliando si impara. Inoltre, ci sono alcune donne che hanno delle vere e proprie ossessioni nei confronti delle ex del proprio partner: ex significa che non ci sono più nella loro vita e quindi perché stare a discutere? In fondo, lui ha fatto una scelta, e le ex sono solo nel passato e tra i fantasmi delle donne gelose: se non si vuole rinforzare la schiera si ha urgente bisogno di un’iniezione di fiducia in se stesse.

Anche le questioni spicciole che riguardano la gestione della casa rappresentano i litigi più diffusi. Come per l’arredamento. Bisogna partire da un presupposto: se si vive in due, si devono accettare anche le cose che piacciono all’altro. Non fa nulla se lui è un collezionista di robot o action figures: si fa un bel respiro e si prova a immaginare che si tratti di arte postmoderna. L’uso del telecomando infine può essere motivo di litigi feroci e accesi: la giusta soluzione è acquistare un masterizzatore DVD da collegare alla televisione, oppure fare un po’ per uno. Alternare i gusti televisivi nella programmazione serale può servire anche a conoscersi meglio.

Fonte: Sheknows.