Solo tanta tristezza per la storia che stiamo per raccontarvi e, purtroppo, nessuno stupore. Anna Wood è l’ennesima ragazza che, dopo aver cominciato una banalissima dieta per perdere qualche chilo di troppo, è caduta vittima dell’anoressia.

Aveva solo 16 anni ed era una ragazza come tante altre che, dopo gli eccessi tipici delle vacanze di Natale e qualche chilo messo su, aveva deciso di cominciare una dieta per dimagrire un po’ insieme alla mamma.

Nulla di strano, nulla di insano. Ma basta un solo anno per trasformare completamente la ragazza che tutti conoscevano. La madre smette di seguire la dieta, ma lei continua come in un’ossessione, arriva a pesare meno di 40 chili per un metro e settanta di altezza e sembra non accennare a fermarsi.

Ecco le parole della mamma 52enne, Christine Gibson:

Non è mai stata grassa, aveva solo un po’ di pancetta, ma era normale alla sua età dopo cinque o sei settimane io ho interrotto la dieta, ma lei ha continuato a mangiare pochissimo, meno di quanto pensassimo. A volte nascondeva il cibo per poi buttarlo via, lontana dai miei occhi. Nel giro di un paio di mesi è diventata magrissima. È accaduto tutto così in fretta, da quando abbiamo capito che era malata di anoressia al momento in cui è morta. Non abbiamo avuto il tempo di imparare come aiutarla.

Ad agosto Anna viene ricoverata in ospedale e le sue condizioni appaiono già difficili da affrontare. Nonostante ciò, torna a casa ma continua a non mangiare. A febbraio sviene in strada e, di nuovo ricoverata, le viene diagnosticata un’ulcera perforata.

Così, dopo l’intervento chirurgico che avrebbe dovuto provare a salvarle la vita, Anna muore il 26 marzo a causa di un’insufficienza cardiaca. Il Daily Mail ha pubblicato la notizia solo in questi giorni.