Non si sa ancora se e quando arriverà in Italia il telefilm poliziesco The beast, ma le sorti sembrano avvolte nella nebbia, anche a causa della recente morte del protagonista Patrick Swayze. Mandato in onda e poi cancellato dall’emittente americana A&E, per i problemi di salute di Swayze, che nel 2008 aveva scoperto di avere un cancro al pancreas, il telefilm è un interessante viaggio nelle vicende umane.

La serie costa a tutt’oggi di tredici episodi, che raccontano la storia di due agenti dell’FBI sotto copertura, che incarnano a loro volta le parti del poliziotto buono e di quello cattivo, rispettivamente “Ellis Dove”, interpretato da Travis Fimmel, e lo stesso Swayze nella parte di “Charles Barker”. A un certo punto, in due devono affrontare un malinteso, perché Dove è stato convinto da alcuni colleghi che Barker sia corrotto.

Con Swayze scompare una fetta importante di cinema, ma anche di TV. Basti pensare ad alcuni must della storia televisiva, come l’episodio pilota di MASH, del cui cast fece parte, o del suo personaggio in Storie incredibili (dove interpretava un fantasma), o la partecipazione alla prima puntata di Saturday Night Live, nel 1986. Per non parlare del film Dirty dancing, attualmente una delle pellicole che ha registrato i maggiori ascolti nell’intera storia della televisione italiana (e che tiene anche a distanza di molti anni, tutte le volte che viene inserita nei palinsesti).

Con Swayze se ne va un pezzetto di noi, anche se, tutte le volte che rivedremo in TV il film che l’ha imposto all’attenzione del grosso pubblico, continueremo a emozionarci come sempre, perché nessuno può mettere Patrick in un angolo.