Cosa propone la stagione invernale in fatto di nail art? Dopo il {#trend} dei colori fluo che si sono spenti con l’arrivo dell’autunno e del freddo in attesa di tornare a esplodere con l’arrivo della primavera, ecco che spuntano novità e nuove mode per avere mani e {#unghie} sempre curate e all’ultimo grido.

Galleria di immagini: Nail Art: trend per l'inverno

Un ultimissimo trend è quello di usare le unghie come mezzo di comunicazione. Chiunque può trasmettere un messaggio, un’idea, un’opinione di qualsiasi genere: così ha fatto Katy Perry, che ha deciso di sfoggiare sulle sue unghie la faccia di Obama, diffondendo in questo modo un messaggio di sostegno verso di lui e la sua campagna elettorale per la sua rinomina come Presidente degli Stati Uniti.

Per quanto riguarda i colori invece, durante l’inverno saranno cool le tipiche tonalità cupe, come il nero, il viola, il bordeaux, anche se tuttavia Dior sta cercando di ribaltare questo credo lanciando una linea di colori sgargianti per la stagione invernale; la maison propone anche le “crocodile nails“, che si possono semplicemente creare con uno smalto rock-top.

L’Oréal opta per delle unghie in stile Versailles, dove l’oro è in primo piano. Ciatè dopo aver fatto successo con la Caviar Mani, che vedeva delle microsfere attaccate alle unghie, non è riuscita ad ottenere altrettanto successo con la Sequin Manicure, dove al posto delle sfere sono state proposte delle paillettes

La “reverse manicure” o la “half moon” è di fatto la nuova tendenza che vede la classica french manicure rovesciata: al posto di creare un bordo bianco, o di qualsiasi altro colore, in cima all’unghia, lo si crea sul fondo; per di più, viene accantonata la manicure standard con il bianco e il nude, per una più colorata, che spesso e volentieri comprende anche il nero. La tecnica della water marble invece è un evergreen, che permette di creare fantasie astratte e sempre diverse di più colori. Glitter e pois sono sempre chic e trendy, dando quel tocco raffinato e brillante. Per finire non si possono dimenticare le patch, dedicate alle più pigre che non hanno tempo o voglia di dipingersi le unghie.

Fonte: Il Messaggero