Il messaggio degli autori del Grande Fratello evidentemente non è arrivato alle orecchie di tutti i concorrenti del reality. Non sono bastate quattro eliminazioni per far capire agli inquilini della Casa che la bestemmia non è ammessa all’interno del programma.

Questa volta, protagonista dell’accaduto sarebbe Nando Colelli, che durante la discussione in studio con Margherita Zanatta, nella diretta di ieri sera, avrebbe utilizzato espressioni troppo colorite.

Le parole incriminate sarebbero delle espressioni dialettali molto utilizzate nel Sud d’Italia, ma hanno infastidito non poco l’Unione Nazionale Consumatori. In un comunicato, l’associazione fa sapere che la situazione è diventata intollerabile per tutti:

“Credevamo che si fosse toccato il fondo, prima di vedere l’ultima puntata del Grande Fratello. Ormai pur di fare ascolti, non si risparmiano risse e scazzottate all’ora di cena, con buona pace del regolamento e, soprattutto, di chi guarda da casa: il rispetto per il pubblico è ai minimi storici.”

Oltre al linguaggio volgare di Nando, l’UNC è rimasta basita dall’utilizzo del televoto per aiutare Margherita a decidere se perdonare o meno il concorrente di Pomezia. Inoltre, il pubblico è ancora in attesa del rimborso per aver partecipato al televoto annullato la scorsa settimana:

Galleria di immagini: Margherita Zanatta e Nando Colelli 2

“Come se ciò non bastasse, ieri il programma ha introdotto una brillante novità: è stato lanciato un inedito televoto d’opinione, una specie di sondaggio, nuovo stratagemma escogitato per derubare i telespettatori da casa. Per quest’anno i telespettatori ne hanno dovute sopportate davvero troppe, mentre l’unico annuncio serio, quello dei rimborsi per i televoti annullati, è ancora avvolto nel mistero: alla nostra richiesta di chiarimenti, Mediaset e Endemol non hanno ancora risposto… non ci resta che lanciare un televoto: secondo voi i rimborsi dove sono finiti?”