C’è chi dice che non ci sia nulla di peggio dell’illusione. Altri dicono, invece, che la cosa peggiore che un uomo possa fare nei confronti di un altro è essere opportunista. In altre parole, Nando Colelli, come si muove, fa danni. Il ragazzo di Pomezia ha infatti inviato una strana lettera a Margherita Zanatta in cui rivanga la loro separazione.

Nella lettera, Nando rinfaccia a Margherita di essersi messa con Andrea Cocco, il vincitore del Grande Fratello, solo per opportunismo, mentre pensa ancora a lui. Conoscendo le uscite di Nando, che aveva definito la relazione con la speaker varesina “una miniera d’oro”, non si può fare a meno di pensare che stia cercando di godere, ancora una volta, di luce riflessa.

Galleria di immagini: Margherita Zanatta

Nando ha così scritto, probabilmente nella versione riveduta e corretta grammaticalmente:

“Cara Margherita, non sono un fulmine con le parole, lo sai bene, e ti assicuro che non è facile rivolgermi ancora una volta a te dopo che mi hai detto chiaro e tondo che non puoi ascoltarmi. Di colpo per te sono morto, morto per sempre. Ma, da brava giocatrice, prima mi hai massacrato a parole ogni volta che potevi e poi hai cercato un altro amore nella Casa. Sì, hai cercato Andrea, perché lo sappiamo entrambi, io cinico traditore e tu tenera tradita: le storie d’amore al GF piacciono, e anche tanto, al grande pubblico. E infatti con Andrea sei arrivata in finale. Il tuo non volermi perdonare, il tuo rifiutarmi come la peste, credo che nasconda qualcosa che ancora ti fa star male. Peccherò forse di presunzione, Margherita, ma credo che ancora pensi a me. Sono morto, a tuo dire, eppure non riesci a ignorarmi… guarda un po’.”

C’è da chiedersi se piuttosto non sia Nando a non riuscire a ignorare Margherita, della quale ha affermato in più occasioni, suo malgrado, di non essere mai stato innamorato. Possibile sia tanto difficile per Nando lasciarle vivere la sua storia d’amore con il modello italo-giapponese, l’uomo che le donne di tutta Italia bramano per il suo garbo, l’educazione, l’intelligenza, oltre a delle virtù puramente fisiche?