Le lacrime di Nando Colelli durante l’ultimo primetime del Grande Fratello, quando Margherita Zanatta l’ha aggredito schifata dal suo comportamento, probabilmente non indicavano il dolore per la perdita della compagna, bensì l’ennesima strategia di popolarità.

Il giovane concorrente di Pomezia, infatti, è tornato a “Le Iene” e ha rilasciato altre dichiarazioni al limite dell’imbarazzante. Dopo aver affermato qualche settimana fa di aver scelto la Zanatta solo per una strategia televisiva, ora dichiara come sia decisamente meglio la fama rispetto alla speaker varesina.

Galleria di immagini: Margherita Zanatta e Nando Colelli

Nando, non pago della figuraccia fatta in tutta Italia, ha voluto ribadire il concetto sottolineando che preferirebbe girare un cinepanettone anziché riconquistare Margherita. E chiede, incredibilmente, aiuto al pubblico affinché lo renda celebre:

“Tra fare pace con Margherita ed essere protagonista di un cinepanettone scelgo il cinepanettone, perché è stato sempre il sogno mio. Sono contento che la gente mi acclama, non voglio finire nel dimenticatoio.”

Il giovane appare, però, troppo sicuro di sé, perché le figure barbine di cui si è reso protagonista di certo non hanno portato buona pubblicità né aumentato il suo gradimento al pubblico. Colelli è infatti oggetto di derisione sui social network dopo le dichiarazioni di Margherita che ne svelavano le scarsità sessuali, malvagie doti confermate anche dall’amante Alessandra. A queste si aggiunga anche la reazione scioccata di Alfonso Signorini, un uomo che davvero può dettare il buono e il cattivo tempo della popolarità.

“Sono rimasto sbigottito. In quell’intervista c’era tutto quello che non avrei mai voluto sentire. A cominciare proprio da quello che Nando dice della sua storia d’amore sbocciata dentro la casa: “Sta storia d’amore è stata ’na miniera d’oro. Sennò sparivo come l’altra gggente. È stata una bella strategia. Per una serata in discoteca piglio 1.500 euro: prima mi facevo un mazzo dal mattino alla sera e me li guadagnavo in un mese”.

Considerando come si sia inimicato anche la comunità gay, consigliando loro di “pijarsi ‘na pasticca per guarì”, è lecito chiedersi a che tipo di successo Nando stia mirando. Siamo sicuri rimarrà sul piccolo schermo una volta terminato il reality?