Da Parigi alla Grande Mela: dopo la sfilata per La Perla Naomi Campbell torna a essere protagonista delle passerelle durante la New York Fashion Week ma questa volta, però, lo fa per una giusta causa.

L’intramontabile venere nera ha infatti messo in piedi una sfilata benefica, organizzata al Lincoln Center proprio dalla sua associazione “Fashion For Relief”, nata nel 2005 per raccogliere fondi per le vittime colpite dopo il disastro causato dall’uragano Katrina. Questa volta invece Naomi combatte contro l’ebola: una malattia che negli ultimi due anni ha ucciso migliaia di persone e ne sta uccidendo ancora tutt’oggi, specialmente nei paesi dell’Africa.

Una buona causa, quindi, ma non è stata la sola a scendere in passerella e ammaliare il pubblico con delle creazioni mozzafiato: al suo fianco anche moltissimi nomi dello spettacolo e del cinema internazionale, da Paris Hilton a Mary J. Blige ma anche Kelly Osbourne – figlia del leader dei Black Sabbath, Ozzy Osbourne – e ancora Michelle Rodriguez, Rosario Dawson, Tyson Beckford, Chantelle Harlow Brad Goreski. Ospite d’eccezione: Justin Bieber.

Penso che sia molto importante che non si passi a parlare di altre cose durante la Fashion week, ma si porti la gente a parlare di quello che accade nel mondo con l’ebola, perché è molto grave“, ha dichiarato Rosario Dawson, protagonista di “Sin City” e “La 25esima ora”, dopo la sfilata.

Per l’occasione tutti gli abiti indossati dalle celebrità sono stati donati da stilisti e designer e tutti i proventi raccolti saranno destinati alla lotta contro questa malattia.