Abbiamo parlato ieri delle situazioni che vengono a crearsi quando nasce un fratellino o una sorellina. Non sai come comportarti e ti senti disorientata. Ma devi sapere che certi problemi sono legati alla situazione particolare e limitati nel tempo e che, con opportuni accorgimenti, è possibile ridurre al minimo la cause che possono provocare gelosie. Comincia con il preparare il bambino al nuovo arrivo.

Il momento in cui dirai al tuo bambino che sta per arrivare un fratellino dipende dalla sua età e dalla sua capacità di comprensione. Nove mesi rappresentano un periodo troppo lungo per un bambino piccolo che non ha ancora una precisa cognizione del tempo. Non è consigliabile, quindi, informarlo con molto anticipo, ma non è neppure consigliabile aspettare l’ultimo momento per aiutarlo ad accettare l’arrivo di un fratellino o di una sorellina.

Introduci l’idea di un nuovo bambino in casa quando pensi che sia arrivato il momento più giusto e continua a parlarne nei mesi seguenti. Spiegagli che il nuovo bambino sarà troppo piccolo per poter giocare con lui, che potrebbe piangere molto e che avrà bisogno di tante attenzioni. E quando il pancione comincerà ad essere abbastanza evidente, lascia che senta i movimenti e i calci del bambino.

Se è abbastanza grande per capire, al momento del parto spiegagli che stai per andare in ospedale per far nascere il fratellino o la sorellina e che il papà o la nonna rimarranno a casa a prendersi cura di lui. E poi lascia che il tuo bambino venga a trovarti in ospedale e che conosca il nuovo arrivato. Cerca di non organizzare il loro primo incontro mentre stai allattando il piccolo o lo stai facendo addormentare.

Se ci sono altri visitatori, chiedi al tuo bambino di presentare il nuovo fratellino e di dire come si chiama. Se i visitatori fanno dei commenti sul neonato e su quanto sia bello e dolce, tu rivolgi gli stessi complimenti al tuo bambino più grande. Cerca di evitare che il nuovo arrivato monopolizzi tutto il tuo tempo. Dedicane un po’ anche al primo figlio e rassicuralo che nessuno prenderà il suo posto.

Coinvolgilo. Chiedi a tuo figlio di aiutarti a badare al nuovo arrivato: potrebbe aiutarti a pulirlo con le salviettine umidificate o a mettergli il borotalco, oppure potresti incoraggiarlo a cantare una canzoncina per lui. Potrebbe esserne contento.