Quest’anno sarà veramente dura, per la giuria dei Nastri D’Argento, scegliere chi sarà il trionfatore.

A contendersi il Nastro D’Argento più importante, ossia quello di miglior film dell’anno, ci sono Ferzan Ozpetek con “Le mine vaganti”, Daniele Luchetti con “La nostra vita”, ovvero il film che ha fatto vincere la Palma D’Oro a Cannes al bravo Elio Germano, e Paolo Virzì, con “La prima cosa bella”.

Questi film hanno ottenuto il massimo delle candidature e si sfidano con altri film quali “L’uomo che verrà”, di Giorgio Diritti, e “Lo spazio bianco”, di Francesca Comencini. Le pellicole in corsa, comunque, sono state più di trenta, scelte in mezzo a ottanta film usciti tra maggio 20009 e maggio 2010.

Menzione speciale per “Baarìa” di Giuseppe Tornatore, che ha ricevuto il Nastro dell’Anno, “Le quattro volte”, premiato con il Nastro Speciale e per l’opera prima “Non è ancora domani – La Pivellina”.

L’evento, come ogni anno, si svolgerà al Teatro Antico di Taormina il 19 giugno.