Chanel si riconferma protagonista della bellezza, con una serie di invitanti novità per il Natale 2011. Prima tra tutte la linea cosmetica Les Scintillances, al cui interno si trovano tante accattivanti proposte per il make-up delle feste che sarà ovviamente luminoso, raffinato e in edizione limitata.

Galleria di immagini: Les Scintillances di Chanel

Un make-up luminoso, quindi, giocato sui toni dell’oro e del rosso, come vuole la tradizione natalizia, ma rivisitati in chiave ultra chic. Per le unghie, la maison francese rilancia un vero e proprio must-have per le fashion addicted, ossia il sublime smalto rosso, però arricchito dalle tonalità del fucsia. Il risultato di questo binomio si chiama Rouge Carat e promette mani eleganti da sfoggiare orgogliosamente durante le brillanti occasioni mondane del periodo di {#Natale 2011}.

Per le labbra ecco invece i due {#rossetti} Rouge Allure: Famous, rosso scintillante per donne intraprendenti, e il più delicato Enivrée, connotato da un rosa bon ton. Per chi desidera utilizzare il più pratico lucidalabbra, {#Chanel} ne ha create tre differenti tipologie: Rouge Allure Laque per un sofisticato effetto laccato, con tanto di applicatore che riproduce la forma del pennino stilografico mentre Rouge Allure Extrait de Gloss è a lunga tenuta, studiato per le donne che desiderano essere impeccabili tutto il giorno; Lèvres Scintillantes è invece il gloss dall’effetto bagnato e luminoso, per la donna seduttiva ma sempre raffinata.

Per uno sguardo dorato, Chanel propone l’innovativo Ligne Extreme, l’eyeliner color oro, con pennello ultra appuntito per una stesura pratica e decisa. Occhi dai riflessi dorati e fumè grazie agli ombretti Contraste Duo, mentre chi vuole uno sguardo ancora più brillante potrà optare per la serie Ombre Essentielle. Completano la linea l’illuminante Lumière Sculptée e la polvere opacizzante rosata Universelle Libre. Con un trucco scintillante basterà qualche goccia di Chanel Allure Sensuelle et voilà, la seduzione è servita. Del resto, proprio Coco Chanel sosteneva che una donna senza profumo è una donna senza futuro.