Durante le festività natalizie il cibo non manca, anzi ce ne sarà anche più di quanto riusciremo a mangiarne. così ben 500 mila tonnellate di alimenti andranno a finire nel cassonetto dei rifiuti. Questo è quanto ha rilevato un’indagine della CIA, Confederazione italiana agricoltori.

Se si considera che ogni anno finiscono nell’immondizia 25 milioni di tonnellate di rifiuti, solo durante le feste le famiglie italiane ne getteranno il 5% del totale degli sprechi annui, che a livello di spesa economica corrisponde a 80 euro per famiglia.

Tra gli alimenti che si sprecheranno di più ci sono latticini, uova, carni (39%), seguiti da pane (19%), frutta e verdura (17%) e infine pasta e dolci. Queste percentuali ci devono far riflettere, perché sono frutto di cattive abitudini che ci accompagnano tutto l’anno. Infatti, sempre la CIA sottolinea che in un anno ogni famiglia arriva a gettare nel cassonetto fino a 515 euro di alimenti. Non si tratta solo di uno spreco a livello economico, ma anche di un dispendio ambientale, perché per una sola tonnellata di rifiuti alimentari genera 4,2 tonnellate di CO2.

Il consiglio, quando andate al supermercato, è quello di partire con una lista della spesa ponderata in base alle persone e cercare di non farsi prendere dalla frenesia delle offerte di questo periodo. Se proprio non siete riusciti a resistere alle tentazioni non disperate, perché eventuali alimenti non consumati a Natale o a Capodanno potranno trasformarsi, dando sfogo alla vostra fantasia, in un prelibata pietanza da consumare il giorno successivo.